Nove under 14 su dieci hanno un account sui social network | T-Mag | il magazine di Tecnè

Nove under 14 su dieci hanno un account sui social network

Lo ha rivelato un’indagine del Dipartimento di Scienze Umani, Sociali e della Salute dell’Università di Cassino sottolineando che i ragazzi si sono iscritti nonostante il limite d’età fissato per legge a 14 anni

di Redazione

Quasi 9 under 14 su dieci hanno attivato un account su una piattaforma social – TikTok, Facebook, Instagram, WhatsApp…–, nonostante il limite d’età fissato per legge a 14 anni. Lo ha rivelato un’indagine condotta dal Dipartimento di Scienze Umani, Sociali e della Salute dell’Università di Cassino e del Lazio Meridionale. Coinvolto un campione di oltre 2.000 ragazzi di età compresa tra gli 11 e i 13 anni. Dallo studio emerge che l’88% – la quota tocca il 100%, se si limita l’analisi ai tredicenni – ha ammesso di utilizzare con regolarità i social network.

Photo by dlxmedia.hu on Unsplash

Tra gli iscritti, 4 su dieci hanno un profilo pubblico, esponendosi così ai rischi legati alla gestione della privacy.

«La condivisione di contenuti privati su piattaforme visibili in tutto il mondo, senza il diretto controllo e la supervisione degli adulti, espone il minore a rischi enormi, quali ad esempio cyberbullismo, adescamento online e, più in generale, violazioni della privacy», ha commentato Simone Digennaro, coordinatore della ricerca, che ha analizzato anche altri aspetti del fenomeno.

Quali sono le piattaforme più usate, ad esempio? Oltre il 50% del campione dichiara di usare più di due ore al giorno WhatsApp, a pari merito con Tik Tok. A seguire Instagram, YouTube, Snapchat (usata in particolare per apportare modifiche a foto da postare successivamente su altri social, con il 30% circa che ha ammesso di dedicarvi meno di 2 ore al giorno). Confermato invece il progressivo abbandono di Facebook e la poca attenzione dedicata a Twitter.

Oltre quelli relativi alla privacy, una volta sui social network, i ragazzi si espongono ad altri rischi. Una revisione della letteratura scientifica condotta dalla Società Italiana di Pediatria (Sip) e pubblicata sull’International Journal of environmental research of public health, basata sull’analisi di 68 ricerche condotte sul tema dal 2004 al 2022, ha rivelato che più tempo i ragazzi e le ragazze passano sui social, più alto è il rischio che sviluppino sintomi depressivi.

La revisione ha riscontrato in 19 di esse, pari al 27% del totale, una «associazione significativa» tra depressione under 18 e uso di piattaforme come Facebook, Instagram, TikTok e consimili.

 

Scrivi una replica

News

Svimez: «Mezzogiorno in recessione nel 2023, Pil -0,4%»

«Nel 2023 il Mezzogiorno rischia la recessione con un Pil che potrebbe contrarsi fino a -0,4% contro il +2,9% di quest’anno». E’ quanto emerge dalle…

28 Nov 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Borrell: «Putin vuole rendere l’Ucraina un buco nero»

«Dobbiamo aumentare il nostro sostegno all’Ucraina. Putin continua a bombardare l’Ucraina. Continua a cercare di rendere l’Ucraina un buco nero, senza luce, senza elettricità, senza riscaldamento. Per…

28 Nov 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Zelensky: «I russi preparano nuovi attacchi»

«Sappiamo che i terroristi stanno preparando nuovi attacchi e che, finché avranno i missili, non si fermeranno. La prossima settimana può essere dura come quella…

28 Nov 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Petrolio: Wti a 74,36 dollari al barile e Brent a 81,56 dollari

All’avvio dei mercati asiatici il greggio texano Wti è stato scambiato a 74,36 dollari al barile mentre il Brent è stato scambiato a 81,56 dollari.…

28 Nov 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia