Il caro energia sta erodendo i risparmi di famiglie e imprese | T-Mag | il magazine di Tecnè

Il caro energia sta erodendo i risparmi di famiglie e imprese

Lo rileva il Centro studi di Unimpresa, sottolineando che l’incremento dei prezzi energetici ha interrotto la crescita dei risparmi complessivi degli italiani iniziata con la pandemia

di Redazione

L’incremento dei prezzi energetici, dovuto alla delicata situazione geopolitica internazionale, a partire dalla guerra in Ucraina scatenata dall’invasione russa, sta intaccando i risparmi degli italiani. Lo rivela il Centro Studi di Unimpresa, riportando i dati raccolti dalla Banca d’Italia sui depositi di famiglie e imprese italiane.

Secondo Bankitalia, i risparmi degli italiani sono passati da 2.097 miliardi di luglio ai 2.047 miliardi di ottobre (-2,4%). Nell’arco di una manciata di mesi sono stati così bruciati circa 50 miliardi di euro. Unimpresa la definisce «una situazione drammatica», ammonendo che «stanno venendo meno le forze e la liquidità» per affrontare costi che sono diventati «insostenibili». Per sostenerli, le imprese e le famiglie italiano hanno fatto ricorso ai risparmi.

Le conseguenze del caro energia sono state ampiamente previste: una grossa fetta (circa 21 miliardi di euro su 35) dei fondi stanziati per la manovra, adesso all’esame del Senato e che molto probabilmente verrà licenziata dall’Aula di palazzo Madama entro il 29 dicembre e quindi in tempo per evitare la scadenza del 31 che avrebbe fatto scattare l’esercizio provvisorio, è destinata ad attutire l’impatto del caro energia sulle tasche di famiglie e imprese.

Il caro energia ha invertito una tendenza incominciata con lo scoppio della pandemia e che s’è interrotta con l’estate del 2022: a partire dall’inizio dell’emergenza sanitaria, complici le conseguenti difficoltà e l’elevata incertezza sul futuro, gli italiani hanno accresciuto sensibilmente i propri risparmi, il cui ammontare complessivo è passato da 1.823 miliardi nel dicembre 2019, a 1.956 miliardi nel dicembre 2020 sino a 2.075 miliardi in dicembre 2021.

Sono stati specialmente i conti correnti la forma di accumulo più usata, passati dai 1.182 miliardi a fine 2019 a 1.480 miliardi a fine 2021, per arrivare a 1.497 miliardi fino a luglio 2022 e poi scendere di 45 miliardi (-3%) a 1.452 miliardi a ottobre scorso.

 

Scrivi una replica

News

Oms: «Il Covid è ancora un’emergenza sanitaria internazionale»

Il Covid «continua a costituire un’emergenza di sanità pubblica di interesse internazionale». Così Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell’Oms, l’Organizzazione mondiale della Sanità, nel rapporto…

30 Gen 2023 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ambiente, nel 2022 in 29 città italiane superati i limiti giornalieri di PM10

«Nel 2022, 29 città su 95 hanno superato i limiti giornalieri di PM10». Lo denuncia Legambiente, con il report “Mal’Aria di città 2023: cambio di…

30 Gen 2023 / Nessun commento / Leggi tutto »

Inflazione, Giorgetti: «Il tessuto economico tiene»

«L’attuale scenario internazionale è caratterizzato ormai da da diversi mesi da un’inflazione diffusa, eccezionalmente elevata e persistente, che sta esercitata grande pressione sulle famiglie e…

30 Gen 2023 / Nessun commento / Leggi tutto »

Germania: nel quarto trimestre Pil in diminuzione (-0,2%)

Nel quarto trimestre, il Prodotto interno lordo tedesco è diminuito dello 0,2% su base trimestrale. Lo rende noto Destatis, l’Ufficio federale di statistica, diffondendo una…

30 Gen 2023 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia