Perché la Germania sta rallentando | T-Mag | il magazine di Tecnè

Perché la Germania sta rallentando

Il settore manifatturiero arranca, ma i produttori intravedono la luce in fondo al tunnel

di Redazione

Nuovo segnale negativo per la Germania: dopo il calo congiunturale del PIL dello 0,2% nel quarto trimestre (dal +0,4% registrato tra il secondo ed il terzo trimestre) e il rallentamento del dato tendenziale (+0,5%, contro il +1,2% del trimestre precedente e il +0,8% delle attese), una doccia fredda arriva anche dalla produzione industriale.

A dicembre, secondo le ultime rilevazioni di Destatis, l’ufficio federale di statistica, la produzione industriale tedesca ha registrato una brusca frenata, riportando un calo del 3,1%, contro il -0,7% previsto dagli analisti e il +0,4% del mese precedente.  Anche su base annua si è registrata una flessione: del 3,9%, che ha portato il consuntivo dell’intero 2022 ad un calo dello 0,6%.

Per quanto riguarda  il settore manifatturiero in senso stretto, dalle ultime rilevazioni di S&P Global emerge come il PMI della Germania sia il più basso tra i Paesi monitorati, ponendosi, con i 47.3 punti di gennaio, alle spalle non solo di  Italia, Francia e Spagna, ma anche di Grecia, Austria, Irlanda e Paesi Bassi.

A pesare sull’andamento del settore, spiega S&P Global, è la componente relativa ai nuovi ordini ricevuti dai produttori tedeschi, influenzata negativamente dagli alti livelli di stock della clientela, dai prezzi elevati e dalla reticenza agli investimenti. Nonostante ciò, dall’analisi emerge un miglioramento delle prospettive per l’anno in corso, grazie al rallentamento dei costi degli input, come a quello dell’inflazione in generale, e ad un’attenuazione delle pressioni sulla catena di approvvigionamento.

 

Scrivi una replica

News

Franchising, giro d’affari a oltre 33 miliardi di euro nel 2023

Nel 2023 il giro d’affari del franchising è salito a oltre 33 miliardi di euro, registrando un +9,9% rispetto all’anno precedente e arrivando a rappresentare…

21 Giu 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

Mes, Giorgetti: «Non ci sono le condizioni per il voto»

«A breve è impossibile la ratifica» del trattato del Mes, il Meccanismo europeo di stabilità, come chiesto da 19 governi su venti dell’Eurozona. Lo ha…

21 Giu 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

Zelensky: «Oggi UE ha approvato quadro negoziale per adesione Ucraina»

«Oggi 27 Stati membri dell’UE hanno approvato il quadro negoziale necessario per avviare i negoziati di adesione con l’Ucraina. Sono grato al Consiglio UE e…

21 Giu 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

Putin: «Piani di sviluppo nucleare per mantenere equilibrio di potere»

«I nostri piani includono un ulteriore sviluppo della triade nucleare come garanzia di deterrenza strategica e mantenimento dell’equilibrio di potere nel mondo». Ad annunciarlo è…

21 Giu 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia