Le imprese pronte a investire nella cyber security | T-Mag | il magazine di Tecnè

Le imprese pronte a investire nella cyber security

Previsto un investimento complessivo di quasi mezzo miliardo di euro nel 2023

di Redazione

Cresce nel sistema produttivo italiano la consapevolezza della necessità di dotarsi di strumenti che le aiutino a prevenire gli attacchi informatici, tanto che oltre la metà delle piccole e medie ha in programma di destinare parte delle proprie risorse alla messa in sicurezza dei propri dati. È quanto emerge da un’analisi condotta da SWG per Confesercenti su un campione di imprese con un numero di addetti compreso tra le dieci e le 50 unità.

Foto di JoshuaWoroniecki da Pixabay

Nel dettaglio, secondo l’indagine, metterà in atto questa serie di investimenti il 52% delle imprese di piccola e media dimensione, per un investimento complessivo di circa 470 milioni di euro. Interventi necessari, data la progressiva digitalizzazione che ha interessato il panorama imprenditoriale, con il 97% delle imprese che ha adottato uno o più sistemi informatici: il 90%, spiega Confesercenti, ha un sistema di posta elettronica gestito internamente, il 73% ha un sito web, mentre il 61% si avvale di un software o piattaforma gestionale interna. Un ulteriore 35% mette a disposizione dei clienti una rete Wi-Fi pubblica, mentre il 28% gestisce un portale di e-commerce. 

Ad oggi, secondo le rilevazioni, un quarto delle aziende prese in esame (più precisamente il 265) dall’indagini si è già trovato a dover fronteggiare un problema relativo alla sicurezza informatica e solo il 50% ha trovato un fornitore di servizi di cyber security a cui affidarsi.

«Il quadro che emerge dal sondaggio – ha commentato il vicepresidente di Confesercenti, Nino Gronchi – condotto sulle imprese con dieci o più dipendenti e quindi, almeno sulla carta, più strutturate e di conseguenza più motivate a garantirsi un sistema di procedure e protezione dati adeguato, ci offre una duplice lettura». «Da una parte – ha proseguito – un quarto delle attività intervistate ammette di avere già avuto problemi, dall’altro, solo una su due ha deciso di investire per migliorare le proprie difese»

«Prendendo come riferimento il triennio 2023-2025, – ha aggiunto Gronchi – possiamo stimare che le imprese nel loro complesso saranno ‘costrette’ a sostenere spese per la sicurezza informatica per circa 10 miliardi. Se è vero, come riteniamo, che per rendere più sicuro il sistema Italia è necessario che ciascuno faccia la propria parte, è chiara l’esigenza di introdurre provvedimenti per incentivare l’adozione delle necessarie misure di sicurezza da parte di tutte le attività economiche, in particolare le PMI».

 

Scrivi una replica

News

M.O., Tajani: «Italia vuole riconoscere lo Stato palestinese»

L’Italia «vuole riconoscere lo Stato di palestinese e al premier dell’autorità palestinese, venuto in visita nel nostro Paese sabato come prima tappa della sua missione…

30 Mag 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

«In Italia circa un giovane tra i 15 e i 16 anni su dieci vive in condizione di povertà»

In Italia circa un giovane tra i 15 e i 16 anni su dieci vive in condizione di povertà. Si tratta di 100mila, tra ragazzi…

30 Mag 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

Mercato del lavoro, nell’Eurozona tasso di disoccupazione al 6,4%

Ad aprile, il tasso di disoccupazione destagionalizzato dell’area euro si è attestato al 6,4%, in calo rispetto al 6,5% di marzo 2024. Nell’Ue, invece, l’indicatore è rimasto stabile…

30 Mag 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

Nel 2021 l’Ue è stata la terza economia mondiale, dopo Cina e USA

Secondo quanto emerso dal Programma di confronto internazionale (ICP) nel 2021, il Prodotto Interno Lordo dell’UE rappresentava il 15,2% del PIL mondiale se espresso in standard di potere d’acquisto (SPA). La più…

30 Mag 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia