L’America e il sostegno all’Ucraina | T-Mag | il magazine di Tecnè

L’America e il sostegno all’Ucraina

La visita di Biden a Kiev è avvenuta in una fase, a quasi un anno dall’inizio dell’invasione russa, in cui l’opinione pubblica statunitense appare meno “coinvolta” sul tema

di Redazione

La visita di Joe Biden in Ucraina di lunedì 20 febbraio, definita «a sorpresa» dai media internazionali (in realtà, è poi emerso, si stava pianificando da tempo il viaggio a Kiev del presidente statunitense, con l’ok definitivo arrivato con pochi giorni di anticipo), è un chiaro messaggio che Washington ha voluto dare agli alleati Nato in un’ottica di sostegno agli ucraini e di leadership mondiale. Ma giunge in una fase – a quasi un anno dall’inizio dell’invasione russa – in cui il tema non è più centrale negli Stati Uniti, con l’opinione pubblica che appare oggi meno “coinvolta”.

Photo by Max Kukurudziak on Unsplash

Il sostegno che i cittadini americani esprimono nei riguardi della fornitura di armi e dell’assistenza economica diretta all’Ucraina è, infatti, diminuito. Il 48% – secondo un recente sondaggio Associated Press-NORC Center for Public Affairs Research – afferma di essere favorevole alla fornitura di armi da parte degli Stati Uniti a Kiev, con il 29% contrario e il 22% che dichiara di non essere favorevole, né contrario. Per rendere meglio l’idea di come le opinioni al riguardo siano nel frattempo cambiate, nel sondaggio viene ricordato che nel maggio 2022, a meno di tre mesi dall’inizio della guerra, il 60% degli adulti statunitensi dichiarava di essere favorevole all’invio di armi.

Per quanto riguarda invece gli aiuti economici, gli americani sembrano divisi in egual misura, con il 37% a favore e il 38% contrario (mentre il 23% non propende in particolar modo per l’una o per l’altra soluzione). 

C’è però da dire che, vista in una prospettiva di unità di intenti delle due principali basi elettorali statunitensi, è proprio la politica estera il collante o, per meglio dire, il terreno comune su cui tanto il Partito democratico, quanto quello repubblicano trovano talvolta sinergie. Una lieve maggioranza di cittadini statunitensi – stavolta secondo un’indagine del Pew Research Center – ritiene che sussista molto (10%) o un po’ (44%) di visione condivisa tra le posizioni di politica estera di repubblicani e democratici a Washington, mentre il 34% afferma che non ce n’è molta. D’altro canto su temi di politica interna, ad esempio quello dell’aborto, le frizioni sono tanto più evidenti. 

 

Scrivi una replica

News

M.O., Tajani: «Italia vuole riconoscere lo Stato palestinese»

L’Italia «vuole riconoscere lo Stato di palestinese e al premier dell’autorità palestinese, venuto in visita nel nostro Paese sabato come prima tappa della sua missione…

30 Mag 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

«In Italia circa un giovane tra i 15 e i 16 anni su dieci vive in condizione di povertà»

In Italia circa un giovane tra i 15 e i 16 anni su dieci vive in condizione di povertà. Si tratta di 100mila, tra ragazzi…

30 Mag 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

Mercato del lavoro, nell’Eurozona tasso di disoccupazione al 6,4%

Ad aprile, il tasso di disoccupazione destagionalizzato dell’area euro si è attestato al 6,4%, in calo rispetto al 6,5% di marzo 2024. Nell’Ue, invece, l’indicatore è rimasto stabile…

30 Mag 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

Nel 2021 l’Ue è stata la terza economia mondiale, dopo Cina e USA

Secondo quanto emerso dal Programma di confronto internazionale (ICP) nel 2021, il Prodotto Interno Lordo dell’UE rappresentava il 15,2% del PIL mondiale se espresso in standard di potere d’acquisto (SPA). La più…

30 Mag 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia