Il Sud si spopola, ma l’Italia è un paese di emigrazione | T-Mag | il magazine di Tecnè

Il Sud si spopola, ma l’Italia è un paese di emigrazione

Lo spopolamento del Mezzogiorno conferma un fenomeno più ampio. Un quadro socioeconomico in evoluzione analizzato attraverso i rapporti Svimez e Censis

di Redazione

Non una novità, almeno in termini di notiziabilità, semmai una conferma. L’ultimo rapporto Svimez sull’economia e la società del Mezzogiorno – presentato nella giornata di ieri, martedì 5 dicembre 2023 – fotografa il trend di spopolamento che interessa il Sud Italia, considerate le oltre 2,5 milioni di persone che dal 2002 al 2021 hanno lasciato le regioni di origine per spostarsi soprattutto in quelle del Centro-Nord. Dunque, dice Svimez, il Mezzogiorno avrebbe perso 1,1 milioni di residenti al netto di chi ha deciso nel tempo di “rientrare”. Tali situazioni derivano da una situazione economica che viene perlopiù percepita come precaria, oggi condizionata a maggior ragione dall’accelerazione dell’inflazione che ha limitato il potere d’acquisto delle fasce più deboli della popolazione, seppure a fronte di una netta ripresa dell’occupazione (che però si mantiene fragile in molti suoi segmenti). 

Photo by Artur Tumasjan on Unsplash

Non è tutto. Perché, ricorda ancora Svimez, la povertà nel Mezzogiorno sembra aver raggiunto livelli affatto trascurabili. Nel 2022 sono 2,5 milioni le persone che vivono in famiglie in condizioni di povertà assoluta, un incremento di 25 mila unità rispetto al 2020 (-170 mila al Centro-Nord). E a tale proposito si evidenzia il fenomeno del cosiddetto “lavoro povero”, a conferma della fragilità dell’occupazione cui si accennava prima. Se nel frattempo, il Pil del Mezzogiorno è stimato in aumento dello 0,4% quest’anno, emerge una volta di più il divario con il Centro-Nord, atteso crescere dello 0,8% (+0,7% il dato nazionale). Negli anni a seguire, secondo Svimez, il Pil italiano crescerà dello 0,7% (+0,7% al Centro-Nord e +0,6% al Sud) nel 2024 e dell’1,2% (+1,3% al Centro-Nord e +0,9% al Sud) nel 2025, ma molto dipenderà anche dall’attuazione del Pnrr (Piano nazionale ripresa resilienza).

Tuttavia le dinamiche demografiche e i flussi migratori del Mezzogiorno non illustrano il quadro esaustivo. Il nostro, infatti, è un paese che nel complesso continua a registrare “uscite” in cifre rilevanti. A sostenerlo, stavolta, è il Censis nell’ultimo Rapporto sulla situazione sociale del paese. Sono più di 5,9 milioni gli italiani attualmente residenti all’estero, pari al 10,1% dei residenti in Italia), il che rende l’Italia un paese di emigrazione più che di immigrazione (sono cinque milioni gli stranieri residenti, pari all’8,6% dei residenti in Italia). Gli italiani che si sono stabiliti all’estero, aggiunge il Censis, sono aumentati del 36,7% negli ultimi dieci anni (ovvero quasi 1,6 milioni in più). A caratterizzare i flussi centrifughi più recenti è l’aumento significativo della componente giovanile. Nell’ultimo anno gli espatriati sono stati 82.014, di cui il 44% tra 18 e 34 anni (36.125 giovani). Con i minori al seguito delle loro famiglie (13.447) si sfiorano le 50 mila unità: il 60,4% di tutti gli espatriati nell’ultimo anno, osserva l’istituto. 

Anche il peso dei laureati sugli expat 25-34enni – aggiunge il Censis – è aumentato significativamente, passando dal 33,3% del 2018 al 45,7% del 2021. Un drenaggio di competenze che non è inquadrabile nello scenario di per sé positivo e auspicabile della circolazione dei talenti, considerato che il saldo migratorio dei laureati appare costantemente negativo per il nostro paese.

 

Scrivi una replica

News

Sanità: tra i migliori 250 ospedali al mondo, 14 sono italiani; il primo è il Gemelli di Roma

Sono quattordici gli ospedali italiani inseriti nella classifica annuale di Newsweek, che include i 250 considerati migliori al mondo. Il primo italiano classificato è il…

29 Feb 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

Salute, si celebra oggi la Giornata mondiale delle malattie rare

Si celebra oggi la Giornata mondiale delle malattie rare, un’iniziativa che punta a sensibilizzare l’opinione pubblica sulle malattie che colpiscono oltre 300 milioni di persone…

29 Feb 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

Stati Uniti, rivista leggermente al ribasso la crescita economica del quarto trimestre

Nel quarto trimestre del 2024, il PIL, il Prodotto interno lordo, degli Stati Uniti è cresciuto del 3,2% su base trimestrale. Lo ha reso noto…

28 Feb 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

Terrorismo, l’Intelligence italiana: «Il nostro Paese è ancora al centro delle minacce»

Tra i dossier, al centro dell’attenzione dell’intelligence italiana, c’è ovviamente il terrorismo, con l’Italia che rimane un «potenziale bersaglio per la sua centralità nel mondo…

28 Feb 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia