Industria, produzione in calo: -1,5% a novembre | T-Mag | il magazine di Tecnè

Industria, produzione in calo: -1,5% a novembre

L’Istat rileva riduzioni congiunturali in tutti i comparti. L’indice complessivo diminuisce in termini tendenziali del 3,1%

di Redazione

Produzione industriale in calo a novembre 2023, secondo le stime dell’Istat: -1,5% rispetto a ottobre e -3,1% su base annua. Nella media del trimestre settembre-novembre si registra una flessione del livello della produzione dello 0,8% rispetto ai tre mesi precedenti. L’indice destagionalizzato mensile, prosegue l’Istat, segna riduzioni congiunturali in tutti i comparti: variazioni negative caratterizzano, infatti, i beni strumentali (-0,2%), i beni intermedi e i beni di consumo (-1,8% in entrambi i raggruppamenti) e, in misura più marcata, l’energia (-4%).

work
Foto di Christopher Burns su Unsplash

Al netto degli effetti di calendario, aggiunge l’Istituto nazionale di statistica, a novembre 2023 l’indice complessivo diminuisce in termini tendenziali del 3,1% (i giorni lavorativi di calendario sono stati 21 come a novembre 2022). Si registrano incrementi tendenziali per l’energia (+1%) e i beni strumentali (+0,6%); evidenziano un calo, invece, i beni di consumo e i beni intermedi (-5,7% in entrambi i raggruppamenti).

Tra i settori di attività economica, conclude l’Istat, la fabbricazione di coke e prodotti petroliferi raffinati presenta un’ampia crescita tendenziale (+13,1%), seguono la fabbricazione di mezzi di trasporto (+2,1%) e la fabbricazione di macchinari e attrezzature (+0,8%). Le flessioni maggiori si registrano nell’industria del legno, della carta e della stampa (-12,7%), nelle industrie tessili, abbigliamento, pelli e accessori (-9,3%) e nella fabbricazione di articoli in gomma e materie plastiche (-8,5%).

«A novembre – è il commento dell’Istat che accompagna la nota – si rileva, per il secondo mese consecutivo, una diminuzione congiunturale dell’indice destagionalizzato della produzione industriale. Risulta in flessione anche l’andamento congiunturale complessivo nella media degli ultimi tre mesi. L’intonazione negativa di novembre è diffusa a tutti i principali comparti. In termini tendenziali, al netto degli effetti di calendario, si osserva un calo dell’indice generale. Sempre su base tendenziale, si registrano variazioni positive per l’energia e i beni strumentali, a fronte di flessioni per i beni di consumo e i beni intermedi».

 

Scrivi una replica

News

Missioni, ok da commissioni Esteri e Difesa della Camera

Le commissioni Esteri e Difesa della Camera hanno dato l’ok alla deliberazione sulla partecipazione dell’Italia a ulteriori missioni internazionali nel 2024. Tra queste la missione…

4 Mar 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

Usa 2024. La Corte Suprema ha dichiarato Donald Trump eleggibile

La Corte Suprema degli Stati Uniti ha stabilito che l’ex presidente Donald Trump è eleggibile, sconfessando la precedente sentenza della Corte Suprema del Colorado che…

4 Mar 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ita-Lufthansa, Vestager: «Discussioni abbastanza buone»

«Da come la vedo, abbiamo discussioni aperte abbastanza buone con le aziende in questione». Così la vicepresidente della Commissione europea, Margrethe Vestager, commentando le indiscrezioni…

4 Mar 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

Giorgetti: «Pagheremo le conseguenze del Superbonus per anni»

«Abbiamo messo una linea alla fine del 2023. Purtroppo le conseguenze le pagheremo nei prossimi anni». Lo ha detto il ministro dell’Economia, Giancarlo Giorgetti, replicando…

4 Mar 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia