Russia, in migliaia per l’ultimo saluto a Navalny | T-Mag | il magazine di Tecnè

Russia, in migliaia per l’ultimo saluto a Navalny

Code fuori la chiesa dell’icona della Madre di Dio di Mosca, in migliaia per l’ultimo saluto, imponente schieramento di polizia fin dalla mattina, applausi. E poi cori: «La Russia sarà libera». Sono le immagini che hanno fatto da cornice ai funerali di Alexei Navalny, il noto dissidente russo, tra i principali oppositori di Vladimir Putin, morto giorni fa in carcere. Il funerale si è tenuto alle 14 ora locale e all’interno della chiesa sono state ammesse alcune centinaia di persone. Anche gli ambasciatori di Stati Uniti, Francia e Germania hanno reso omaggio a Navalny. Presente inoltre l’incaricato d’affari italiano, Pietro Sferra Carini, ma ai diplomatici di paesi occidentali non è stato comunque permesso di partecipare alla cerimonia. I timori per l’ordine pubblico e la possibile ondata di arresti in caso di manifestazioni a sostegno dell’opera di Navalny avevano in questi giorni reso piuttosto difficoltosi i preparativi. Diverse le perquisizioni, del resto già il portavoce del Cremlino, Dmitri Peskov, aveva avvertito che qualsiasi azione non autorizzata di questo tipo avrebbe potuto portare a conseguenze. Nei giorni scorsi centinaia di persone sono state arrestate durante manifestazioni spontanee. Il regime russo viene ritenuto colpevole del decesso di Navalny dai sostenitori del dissidente e anche molti leader della comunità internazionale si sono espressi in questo senso. Il portavoce del Servizio di Azione Esterna dell’UE, Peter Stano, aveva oggi riferito della partecipazione ai funerali di una delegazione dell’Unione europea. «Putin ha cercato di mettere a tacere Alexei Navalny, ma il mondo stava guardando», ha invece scritto su X il ministro degli Esteri britannico, David Cameron. Navalny è stato poi sepolto nel cimitero Borisovskoye.

 

Scrivi una replica

News

Ucraina, Tajani: «Aiutare Kiev significa lavorare per la pace»

«Aiutare l’Ucraina significa lavorare per la pace». Lo ha detto il ministro degli Esteri, Antonio Tajani, aprendo la prima sessione del G7 a Capri. «Se…

18 Apr 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

Medio Oriente, Guterres: «C’è il rischio di un conflitto regionale»

«Negli ultimi giorni si è assistito a una pericolosa escalation, un errore di calcolo o un errore di comunicazione potrebbero portare all’impensabile, un conflitto regionale…

18 Apr 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

Fine vita, governo ricorre al Tar contro l’Emilia-Romagna

La presidenza del Consiglio dei ministri e il ministero della Salute hanno depositato il 12 aprile al Tar dell’Emilia-Romagna un ricorso contro la Regione per…

18 Apr 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

L’economia mondiale è destinata a ridursi mediamente del 19% entro il 2049 a causa della crisi climatica

L’economia mondiale è destinata a ridursi mediamente del 19% entro il 2049 a causa della crisi climatica. Lo sostiene una proiezione realizzata dall’Istituto tedesco di…

18 Apr 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia