Industria: a gennaio la produzione diminuisce dell’1,2% | T-Mag | il magazine di Tecnè

Industria: a gennaio la produzione diminuisce dell’1,2%

L’Istat spiega che la produzione industriale torna ai livelli di novembre 2023, con diminuzioni estese a tutti i principali comparti, ad eccezione dell’energia

di Redazione

Nel mese di gennaio 2024, l’Istat stima una diminuzione dell’1,2% dell’indice destagionalizzato della produzione industriale rispetto al mese precedente. Inoltre, la media del trimestre novembre-gennaio mostra un calo dello 0,9% rispetto al trimestre precedente. Per quanto riguarda ancora l’indice mensile destagionalizzato, l’Istat osserva un incremento solo nel settore energetico (+2,5%). Al contrario, si registrano cali nei beni di consumo (-2%) e nei beni strumentali (-3,6%), mentre i beni intermedi rimangono stabili.

Photo by Josh Beech on Unsplash

Tenendo conto degli effetti del calendario, aggiunge l’Istituto nazionale di statistica, a gennaio 2024 l’indice complessivo mostra una diminuzione del 3,4% in termini tendenziali (22 giorni lavorativi rispetto ai 21 di gennaio 2023). Si osserva un leggero aumento solo nel settore energetico (+0,4%), mentre si registrano cali nei beni intermedi (-2,5%), nei beni strumentali (-4,9%) e nei beni di consumo (-5,4%).

Gli unici settori in crescita sono la fabbricazione di coke e prodotti petroliferi raffinati (+2%), la fornitura di energia elettrica, gas, vapore ed aria (+1,1%) e le industrie alimentari, bevande e tabacco (+0,6%). Le maggiori flessioni si osservano nella produzione di prodotti farmaceutici di base e preparati farmaceutici (-15,2%), nell’attività estrattiva (-9,9%) e nell’industria del legno, della carta e della stampa (-8%).

«A gennaio – è il commento dell’Istat che accompagna la nota – si registra una flessione congiunturale dell’indice destagionalizzato della produzione industriale che torna ai livelli di novembre 2023, con diminuzioni estese a tutti i principali comparti, ad eccezione dell’energia. Il quadro è negativo anche su base trimestrale. In termini tendenziali, al netto degli effetti di calendario, si osserva una caduta in 13 settori su 16. Nei raggruppamenti principali di industrie è molto ampia la flessione per i beni di consumo e strumentali, mentre si assiste ad una lievissima crescita per l’energia».

 

Scrivi una replica

News

Medio Oriente, l’Onu ha chiesto un’indagine internazionale sulle fosse comuni scoperte nella Striscia di Gaza

L’Ufficio dell’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani ha chiesto un’indagine internazionale sulle fosse comuni scoperte nei due principali ospedali della Striscia di…

23 Apr 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

Eurozona, de Guindos: «Se le cose vanno nella stessa direzione, allenteremo la posizione restrittiva»

«Se le cose vanno nella stessa direzione delle ultime settimane, allenteremo la nostra posizione restrittiva a giugno. In assenza di sorprese è un ‘fatto compiuto’».…

23 Apr 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ue, via libera del Parlamento europeo al Patto di Stabilità

Il Parlamento europeo, con 359 voti favorevoli, 166 contrari e 61 astensioni, ha dato il via libera finale al nuovo Patto di Stabilità e crescita.…

23 Apr 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

Meloni: «Vogliamo ridurre i divari che dividono il Paese»

«L’Italia è una Nazione che nel tempo ha accumulato diversi divari: tra Nord e Sud, tra la costa tirrenica e quella adriatica, divari all’interno delle…

23 Apr 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia