CRISI, FUMATA NERA TRA GOVERNO E PARTI SOCIALI. NEL POMERIGGIO BERLUSCONI INCONTRA NAPOLITANO | T-Mag | il magazine di Tecnè

CRISI, FUMATA NERA TRA GOVERNO E PARTI SOCIALI. NEL POMERIGGIO BERLUSCONI INCONTRA NAPOLITANO

L’ottimismo di qualche giorno fa è al ribasso. Se dopo il primo incontro tra governo e parti sociali i diversi attori si erano detti soddisfatti per la positività del tavolo e l’unità di intenti al fine di fronteggiare la crisi, quello di mercoledì è stato decisamente più negativo. Emma Marcegaglia, presidente di Confindustria, non ha nascosto le perplessità di banche, imprese e sindacati riguardo le misure da adottare e la ristrutturazione della manovra che prevede l’anticipo del pareggio di bilancio al 2013 come più volte annunciato dal ministro dell’Economia, Giulio Tremonti. “Le misure non ce le hanno spiegate”, ha ammesso la Maregaglia. La segretaria della Cgil, Susanna Camusso, ha minacciato lo sciopero generale: “Se lo schema della manovra, così come lo leggiamo dai giornali, verrà confermato nel decreto proseguiremo la mobilitazione per cambiarla”. Secondo il segretario della Uil, Luigi Angeletti, “bisogna sbrigarsi, la manovra deve essere rigorosa ma equa e giusta”. Ma a preoccupare, inoltre, sono le distanze tra gli alleati politici. Umberto Bossi si dice contrario a una revisione delle pensioni. Di Berlusconi, invece, è risaputa l’avversità nei confronti di un’eventuale imposta patrimoniale, ribattezzata nel caso, come ha suggerito qualcuno, “contributo per l’Italia”. La maggioranza, dunque, sembra arrovellarsi con più questioni sul piatto. Da una parte rilanciare l’economia in termini di crescita e produttività garantendo risposte inequivocabili ai mercati, dall’altra rilanciarsi in vista del voto del 2013.
Intanto, da quanto si apprende, il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, rientrerà a Roma (era in vacanza a Stromboli) per incontrare il presidente del Consiglio. Il faccia a faccia dovrebbe avvenire intorno alle 17.30. Il Cdm in cui verrà varato il decreto anticrisi verrà con ogni probabilità anticipato al 16 agosto (inizialmente si era detto il 18), mentre è previsto per venerdì un incontro tra l’esecutivo e le Regioni con le Province per discutere dei tagli agli enti locali.

 

Scrivi una replica

News

Dl Dignità, Di Maio: «La fiducia? Spero di no»

«Spero di no, però mi aspetto, e questo lo auspico, perché il Parlamento è sovrano, che ci sia un atteggiamento costruttivo sulle modifiche. Se poi…

20 Lug 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Alessandro Rivera sarà il prossimo direttore generale del Mef

Alessandro Rivera sarà il nuovo direttore generale del ministero del ministero dell’Economia. Lo riferisce l’agenzia Reuters, citando «tre fonti vicine alla situazione». Ha 47 anni…

20 Lug 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Inps, Di Maio: «Boeri? Non ho il potere di rimuoverlo»

Il presidente dell’INPS «Boeri? Io non ho il potere di rimuovere questa persona: o scade oppure resta lì». Lo ha detto il vice premier Luigi…

20 Lug 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Cdp, Fabrizio Palermo nuovo amministratore delegato

Fabrizio Palermo è il nuovo amministratore delegato di CDP, la Cassa depositi e Prestiti. Lo riferisce l’agenzia di stampa Reuters, citando «tre fonti vicine alla…

20 Lug 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia