Gli interessi italiani da proteggere in Libia e la versione di Scaroni | T-Mag | il magazine di Tecnè

Gli interessi italiani da proteggere in Libia e la versione di Scaroni

Francesco Forte sul Giornale passa in rassegna gli interessi italiani da proteggere in Libia. Da par suo, Paolo Scaroni, amministratore delegato dell’Eni intervistato dal Corriere della Sera, spiega che le contromisure per mantenere una posizione privilegiata quale partner commerciale dei libici sono state già avviate da giorni. “Siamo stati i primi a prendere contatti con il vertice degli “insorti”, cioè con il Cnt, il Comitato nazionale di transizione: il 3 aprile abbiamo incontrato il gruppo al gran completo a Bengasi e manteniamo contatti costanti, direi quotidiani, con loro. Non abbiamo timori per l’Eni in Libia. Ma la situazione ci preoccupa per il futuro immediato: queste fasi di transizione sono sempre molto delicate e complesse. E la vicenda apre, solo per il gas, il tema della sicurezza degli approvvigionamenti per il nostro Paese”. I rapporti con i ribelli, afferma ancora Scaroni, sono “speciali”. Lo furono meno quelli con Gheddafi, dettati esclusivamente da una questione di interessi. “Non ho avuto con lui rapporti frequenti. Ricordo quando nel 2008, dopo essermi recato per 19 volte in Libia allo scopo di rinegoziare una serie di contratti, ero già in aereo per il decollo e mi ha chiamato al telefono il suo assistente: Gheddafi voleva vedermi subito. Marcia indietro, colloquio: voleva porre il suggello politico ad accordi tecnici. È stato forse l’ultimo incontro “vero”. Poi mi sono rifiutato di partecipare alla pagliacciata a Roma dei cavalli berberi. Per fortuna avevo in agenda un viaggio al quale non potevo rinunciare”.

 

Scrivi una replica

News

Petrolio: Wti a 57,91 dollari al barile e Brent a 63,23 dollari

All’avvio dei mercati asiatici il greggio texano Wti è stato scambiato a 57,91 dollari al barile mentre il Brent è stato scambiato a 63,23 dollari…

22 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Aereo militare Usa precipita nel Pacifico: sconosciute le cause

Un aereo della marina militare americana con a bordo 11 persone è precipitato nell’oceano Pacifico. Il velivolo stava rientrando verso la portaerei Uss Ronald Reagan.…

22 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Titoli di Stato: spread Btp/Bund a 141 punti

All’apertura dei mercati finanziari lo spread tra Btp e Bund si è attestato a quota 141 punti.…

22 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Zimbabwe, si è dimesso il presidente Robert Mugabe

Il presidente, Robert Mugabe, si è dimesso, dopo che il suo partito gli aveva chiesto di farlo entro le 11 ora italiana di oggi. Così…

21 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia