Stima preliminare del commercio estero extra Ue (dati Istat) | T-Mag | il magazine di Tecnè

Stima preliminare del commercio estero extra Ue (dati Istat)

A giugno 2012, rispetto al mese precedente, entrambi i flussi commerciali registrano una diminuzione, più marcata per le importazioni (-5,9%) rispetto alle esportazioni (-2,8%).
La flessione congiunturale dell’export è limitata a energia (-14,7%) e beni strumentali (-6,8%; al netto delle vendite di navi ed aerei, si registra un incremento congiunturale). Crescono le esportazioni di beni durevoli (+6,6%) e non durevoli (+2,8%).
La flessione congiunturale dell’import è diffusa, ma risulta particolarmente accentuata per gli acquisti di beni strumentali (-10,5%) e prodotti intermedi (-7,9%).
Nell’ultimo trimestre la dinamica congiunturale delle esportazioni si conferma ampiamente positiva (+4,8%), sostenuta dalla rilevante espansione dei beni strumentali (+9,7%) e di consumo durevoli (+9,0%). La flessione delle importazioni (-1,0%) è dovuta soprattutto all’energia (-3,8%); sono in contenuta contrazione anche i beni di consumo (-0,8%).
Rispetto a giugno 2011, l’aumento delle esportazioni è significativo (+12,4%) e coinvolge tutti i principali comparti. Le importazioni registrano, invece, una flessione tendenziale del 7,1% diffusa a tutti i principali raggruppamenti di beni, ad eccezione dell’energia, che presenta un incremento del 3,3%.
A giugno 2012 la bilancia commerciale registra un avanzo di 1.519 milioni di euro, in netto miglioramento rispetto a giugno 2011 (-1.389 milioni). L’avanzo nell’interscambio di prodotti non energetici è quasi raddoppiato (da 3.307 a 6.164 milioni di euro).
Nel primo semestre 2012 il deficit commerciale (-5.216 milioni) si è ridotto a un terzo di quello del 2011 (-16.767 milioni). L’avanzo nell’interscambio di prodotti non energetici raggiunge i 26.963 milioni ed è in larga parte determinato dall’ampio surplus nel commercio di beni strumentali (20.728 milioni).
I mercati più dinamici all’export sono: Giappone (+38,0%), Stati Uniti (+35,4%) e OPEC (+33,0%). Le vendite verso la Cina sono in flessione (-10,4%).
La diminuzione delle importazioni di beni riguarda in particolare quelli provenienti da: India (-44,2%), Mercosur (-33,4%) e Turchia (-22,2%). I paesi OPEC registrano un rilevante incremento (+25,3%).

 

Scrivi una replica

News

Russia-Stati Uniti, Putin: «Lasciarci alle spalle questo clima da guerra fredda»

«Dobbiamo lasciare dietro le spalle questo clima da guerra fredda, non c’è bisogno dello scontro, la situazione è cambiata, bisogna affrontare le sfide comuni, il…

16 Lug 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Trump: «Le relazioni tra Stati Uniti e Russia stanno migliorando»

«Le nostre relazioni non erano mai state peggiori di quanto non lo siano adesso. Tuttavia adesso sono cambiate perché quattro ore fa ci siamo incontrati».…

16 Lug 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Commercio, la Cina ricorrerà al Wto contro i dazi imposti dagli Stati Uniti

Il governo cinese ricorrerà al WTO, l’Organizzazione mondiale del commercio, contro la minaccia di dazi aggiuntivi al 10% annunciati dagli Stati Uniti sull’import di prodotti…

16 Lug 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Trump: «Andare d’accordo con la Russia è una cosa positiva»

«Non siamo andati molto d’accordo negli ultimi anni, ma credo che avremo un buon rapporto in futuro: andare d’accordo con la Russia è una cosa…

16 Lug 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia