C’è la crisi, conviene restare in città | T-Mag | il magazine di Tecnè

C’è la crisi, conviene restare in città

Ci è capitato di leggere questo post su Facebook, un paio di giorni fa: “Sabato 4 agosto h 14.30… Salerno – Reggio Calabria totalmente libera…. o c’è veramente troppa crisi, o i Maya hanno ragione!!!!”. Non sappiamo se i Maya hanno ragione, ma sappiamo con certezza che il weekend da bollino nero previsto sulle autostrade italiane ha in verità disatteso le aspettative.
A quanto pare, infatti, in tanti hanno rinunciato alle vacanze. È stato stimato che almeno sei italiani su dieci non faranno neppure un giorno di villeggiatura. Un primo calo, sicuramente dipeso dalla crisi economica, era stato registrato già l’estate scorsa. Nel 2011 il 41,9% degli italiani aveva evitato di passare le ferie fuori casa, ma il volume di traffico aveva ad ogni modo evidenziato delle aree nevralgiche in tutta la penisola. Ad oggi si sta verificando l’esatto opposto e a partire saranno soltanto 15,4 milioni di italiani, pari ad un crollo su base annua del 29,5%.
Dei sei che non partono, secondo quanto risulta da un’indagine condotta da Federalberghi (il campione è di 1.200 intervistati), la metà non parte proprio a causa della crisi economica (51,6%; nel 2011 era il 42,8). Il 17,1% dichiara di rinunciare alle vacanze per motivi di salute, l’11,1 per motivi di famiglia. “A memoria statistica non si era mai visto un calo così generalizzato e devastante”, ha commentato il presidente di Federalberghi. Bernabò Bocca. E così ecco spiegato il perché di un traffico in taluni casi elevato, ma pur sempre sostenibile.
Come spesso accade la satira anticipa (non sbagliando) le statistiche.

 

Scrivi una replica

News

Brexit, Tusk: «Uno scenario di non accordo è più probabile rispetto al passato»

Sulla Brexit «dobbiamo restare fiduciosi e determinati, poiché c’è volontà di continuare questi negoziati da entrambe le parti». Lo ha scritto il presidente del Consiglio…

16 Ott 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Manovra, Juncker: «Una deviazione dell’Italia sarebbe inaccettabile per altri Paesi»

«Se accettassimo il derapage» previsto dalla manovra rispetto alle regole europee «alcuni Paesi ci coprirebbero di ingiurie e invettive con l’accusa di essere troppo flessibili…

16 Ott 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Conte: «Serve una gestione condivisa per i migranti»

«Il Consiglio europeo arriva in un momento in cui i cittadini attendono dall’Ue risposte concrete. Le elezioni europee porteranno a una nuova Commissione: dovremo lavorare…

16 Ott 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Conte: «Bisogna ridurre il gap di crescita con l’Ue»

«È fondamentale per il nostro Paese ridurre il gap di crescita con l’Ue orientando la spesa verso equilibrio e stabilità». Così il primo ministro, Giuseppe…

16 Ott 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia