Inizia la “fase due” del governo Monti | T-Mag | il magazine di Tecnè

Inizia la “fase due” del governo Monti

Con il Consiglio dei ministri di venerdì si è aperta ufficialmente la fase due del governo Monti. Annunciata in principio diversi mesi fa, la crisi dell’eurozonona ne ha di fatto impedito lo sviluppo. Cosicché tutto ciò che riguarda la crescita verrà affrontato dall’esecutivo nel tempo che rimane fino al termine della legislatura. E il primo Cdm dopo la pausa estiva è stato presentato, non a caso, come un seminario sul tema. I ministri hanno così illustrato al premier i compiti svolti durante le vacanze.
Le misure prese in esame sono quelle anticipate già nei giorni scorsi: l’agenda digitale, la facilitazione della nascita di nuove aziende, attirare investimenti esteri in maniera più efficace. In particlare il viceministro allo Sviluppo economico, Mario Ciaccia, aveva spiegato al meeting di Rimini che il governo sta pensando alla sterilizzazione totale dell’Iva sulle nuove infrastrutture (una defiscalizzazione che potrebbe avere un impatto pari a 5-6 punti del Pil entro il 2020). In aggiunta, si era parlato anche della possibilità del varo di un piano nazionale per gli aeroporti, che preveda una riduzione degli impianti dai 60 attuali a 40. Il piano prediligerebbe gli impianti internazionali e quelli strategici. Poi, le iniziative volte a favorire la green economy e la nascita di nuove imprese (start up), argomento che può tornare utile in chiave giovani stando al piano annunciato dal ministro del Lavoro, Elsa Fornero, giovedì. Sempre Fornero aveva inoltre aveva auspicato il taglio del cuneo fiscale e contributivo per le aziende che investono in capitale umano, ma per quest’ultimo punto è da chiarire a quanto ammontino le risorse. Il ministro dello Sviluppo economico, Corrado Passera, dopo il Cdm di otto ore e mezzo ha assicurato che tra gli esponenti di governo c’è “grande spirito di collaborazione”.
“Stiamo lavorando a dei provvedimenti – ha osservato Passera – che ci eravamo dati come prioritari. L’Italia negli ultimi anni non è stata tra i Paesi maggiormente interessanti per gli investitori esteri e deve tornare ad esserlo. C’è il tema della semplificazione, con il ministro Patroni Griffi abbiamo messo insieme un altro pacchetto di semplificazioni per le imprese e c’è il decreto per le piccole e medie imprese”.
“Con i prossimi decreti – ha assicurato infine il ministro dello Sviluppo – sostanzialmente gran parte dei punti individuati alla fine dell’anno scorso saranno stati completati”.
Uno spunto interessante è stato fornito dal ministro della Cooperazione internazionale e Integrazione, Andrea Riccardi, prima dell’inizio dei lavori. Il quale ha tenuto a sottolineare il fondamentale contributo degli immigrati in una prospettiva di ripresa economica e sociale: “Vorrei parlare di come la cooperazione può favorire l’internazionalizzazione del Paese e di come gli immigrati non sono una questione da affrontare per bontà, ma perché favoriscono la crescita e la tenuta demografica del Paese”.

 

Scrivi una replica

News

Ocse: “In Italia i titoli di studio non sono veritieri”

“In Italia i titoli di studio e le qualifiche danno un’indicazione molto debole delle reali competenze e abilità degli studenti e dei lavoratori che li…

15 Dic 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Germania, Schulz: “Ad inizio gennaio al via i colloqui con Spd e Cdu”

I colloqui tra Spd e Cdu, per la formazione di un nuovo governo, inizieranno “all’inizio di gennaio”. Lo ha detto il leader dei socialdemocratici tedeschi,…

15 Dic 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Istat: “Nel 2016 tra gli italiani laureati andati all’estero uno su tre è tornato in Italia”

“Nel 2016 circa 16 mila laureati italiani tra i 25 e i 39 anni hanno lasciato il Paese e poco più di 5 mila sono…

15 Dic 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Bankitalia ha alzato le stime di crescita dell’economia italiana per il 2017-2018

Nel 2017 il Prodotto interno lordo italiano crescerà dell’1,6%. Lo prevede la Banca d’Italia, che ha alzato le stime di crescita dell’economia sia per quest’anno…

15 Dic 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia