Crolla il potere d’acquisto delle famiglie italiane | T-Mag | il magazine di Tecnè

Crolla il potere d’acquisto delle famiglie italiane

Nel secondo trimestre del 2012, al netto della stagionalità, la propensione al risparmio delle famiglie consumatrici (definita dal rapporto tra risparmio lordo delle famiglie consumatrici e reddito disponibile lordo) è stata pari all’8,1%, in diminuzione di 0,6 punti percentuali rispetto al trimestre precedente e di 0,5 punti percentuali nei confronti del secondo trimestre del 2011.
Il reddito disponibile delle famiglie consumatrici in valori correnti è diminuito dell’1,5% rispetto al corrispondente trimestre dell’anno precedente, mentre la spesa delle famiglie per consumi finali è diminuita dell’1%. Tenuto conto dell’andamento dell’inflazione, il potere di acquisto delle famiglie consumatrici (cioè il reddito disponibile delle famiglie consumatrici in termini reali) è diminuito dell’1,6% rispetto al trimestre precedente e del 4,1% rispetto al secondo trimestre del 2011.
Nel secondo trimestre del 2012 il tasso di investimento delle famiglie consumatrici (definito dal rapporto tra investimenti fissi lordi delle famiglie consumatrici, che comprendono esclusivamente gli acquisti di abitazioni, e reddito disponibile lordo) è stato pari al 6,8%, invariato rispetto al trimestre precedente e in diminuzione di 0,2 punti percentuali rispetto al corrispondente trimestre del 2011. Gli investimenti fissi lordi delle famiglie consumatrici sono diminuiti dello 0,7% rispetto al trimestre precedente e del 4,2% nei confronti del secondo trimestre del 2011.
Nel secondo trimestre del 2012 la quota di profitto delle società non finanziarie (misurata dal rapporto tra risultato lordo di gestione e valore aggiunto lordo ai prezzi base) è scesa al 38,5%, con una diminuzione di 0,4 punti percentuali rispetto al trimestre precedente. Tale caduta è determinata da una flessione del risultato lordo di gestione (-1,4%) a fronte di una sostanziale stabilità del valore aggiunto (-0,1%). In termini tendenziali, il tasso di profitto è diminuito di 2,1 punti percentuali, per effetto di una riduzione del risultato lordo di gestione molto più marcata di quella del valore aggiunto (rispettivamente dell’8,6% e del 3,6%).
Nel secondo trimestre del 2012 il tasso di investimento delle società non finanziarie (definito dal rapporto tra investimenti fissi lordi e valore aggiunto ai prezzi base) è stato pari al 21%, in diminuzione di 0,4 punti percentuali rispetto al trimestre precedente e di 1,3 punti percentuali rispetto allo stesso periodo del 2011. Gli investimenti fissi lordi delle società non finanziarie hanno segnato una flessione del 2,4% in termini congiunturali e del 9,5% rispetto al corrispondente trimestre del 2011.

(fonte Istat)

 

Scrivi una replica

News

Beirut: “Saltato il contratto per il gas con Mosca”

“Eravamo praticamente sul punto di firmare il nostro primo contratto per lo sviluppo di giacimenti di gas grazie alla partecipazione di compagnie russe: ora stiamo…

17 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Usa: “In Europa c’è un alto rischio di attacchi dell’Isis”

“Gli incidenti in Francia, Russia, Svezia, Gran Bretagna, Spagna e Finlandia dimostrano che l’Isis e i suoi affiliati hanno la capacità di pianificare e compiere…

17 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Brexit, May: “Sono fiduciosa che si possa passare alla seconda fase”

“Sono fiduciosa che il mese prossimo i leader Ue possano dare il via libera alla seconda fase dei negoziati sulla Brexit”. Lo ha detto Theresa…

17 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Brexit, Davis: “Offerto compromesso all’Ue”

“La Gran Bretagna ha offerto alcuni compromessi creativi in sede di negoziato sulla Brexit ma non sempre ha trovato disponibilità da parte dell’Ue”. Lo ha…

17 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia