Il punto | T-Mag | il magazine di Tecnè

Il punto

di Fabio Germani

La promessa più grossa, il candidato repubblicano a vicepresidente degli Stati Uniti, Paul Ryan, l’ha fatta alla convention del suo partito a Tampa a fine agosto. “Mitt Romney ed io abbiamo un piano per creare 12 milioni di posti di lavoro in quattro anni. E lo faremo riducendo la spesa pubblica sotto il 20% del Pil. Rimetteremo l’America in piedi”. Nel frattempo – al di là di promesse roboanti – i dati sulla disoccupazione sembrano volgere a favore del presidente degli Stati Uniti, Barack Obama. Il tasso di disoccupazione, infatti, si è attestato nel mese di ottobre al 7,9% e sono stati creati 171 mila nuovi posti di lavoro, quando gli analisti ne avevano previsti 125 mila.
Il dipartimento del Lavoro, poi, ha rivisto al rialzo i numeri di settembre, da 114 mila a 148 mila nuovi posti. Ad agosto, invece, il dato è stato corretto da +142 mila a +192 mila.
Sono cifre importanti per la Casa Bianca, molto più perché giungono a poche ora dal voto che sancirà chi, tra Obama e Romney, guiderà gli Stati Uniti nei prossimi quattro anni. Ma lo staff presidenziale ha ostentato in questo senso un cauto ottimismo e non sappiamo quanto i nuovi posti di lavoro possano influenzare l’esito delle urne. E ciò è vero nonostante l’economia sia il tema trainante di questa campagna elettorale che volge ormai al termine. La consapevolezza di un Paese che ha bisogno di sentirsi dire qualcosa di rassicurante è evidente in entrambi i candidati. Sul piano economico – creazione di nuovi posti di lavoro, rilancio del comparto automobilistico, piano energetico, tassazione – tanto Obama quanto Romney hanno cercato di convincere l’elettorato illustrando le proprie ricette. Nel mese di ottobre, ha affermato Obama in un recente comizio in Ohio, “sono stati creati più posti di lavoro che negli ultimi otto mesi, l’industria automobilistica è di nuovo al massimo, il settore immobiliare è in rialzo, abbiamo fatto progressi reali”. Ma, è stata in soldoni la riflessione conclusiva del presidente uscente, c’è ancora molto da fare e per ultimare quanto di buono proposto sinora è necessario rinnovargli il mandato. Al contrario Romney ha più volte sostenuto che Obama abbia fatto poco per superare la crisi (Obama isnt’working, è stato lo slogan di una campagna repubblicana), lo ha definito in diverse occasioni un “burocrate” e ritenuto la politica della Casa Bianca troppo timida nei confronti di una concorrente sleale quale sarebbe la Cina. In tutta risposta lo staff presidenziale ha immaginato l’America dopo i primi cento giorni di amministrazione Romney.

Le differenze con il presidente Obama, afferma Romney, sono chiare. Il presidente confida anche nella speranza degli americani, ma questi ultimi non devono accontentarsi.

Nel suo ultimo libro, Time to Start Thinking: America and the Spectre of Decline, Edward Luce ha messo in evidenza come il reddito delle famiglie americane risulti stagnante dal 1970 e come, soprattutto, le difficoltà della classe media siano cominciate ben prima del 2009. Su quest’ultimo argomento Obama appare più convincente del rivale. Per questo è arrivato l’endorsement del Financial Times che, pur non facendo mancare critiche al presidente, ha sentenziato: “È la decisione più saggia per gli Stati Uniti”. In particolare, il giornale economico ha giudicato positive la riforma sanitaria e quella finanziaria. Anche l’Economist si è detto favorevole alla rielezione di Obama, non fosse altro che i democratici meritano la possibilità di un secondo mandato.
Intanto i sondaggi continuano a rilevare un sostanziale testa a testa tra Obama e Romney, anche se l’ultima indagine del Pew Research Center dà il presidente in vantaggio di tre punti, 48 a 45 mentre Rasmussen rileva una situazione di parità (49%). Obama ha inoltre incassato l’endorsement del sindaco di New York, Michael Bloomberg, il quale si è visto costretto a cancellare, per la prima volta, la famosa maratona dopo il passaggio dell’uragano Sandy e gli ingenti danni che ha provocato alla città. Secondo Bloomberg, il presidente ha saputo gestire bene l’emergenza.

 

Scrivi una replica

News

Regno Unito, Stephen Paul Barclay nominato ministro per la Brexit

Stephen Paul Barclay, 46 anni, è stato nominato ministro per la Brexit del Regno Unito. Barclay succede a Dominic Raab, dimessosi giovedì, poche ore dopo…

16 Nov 2018 / 1 Commento / Leggi tutto »

Asi, Piero Benvenuti nominato commissario straordinario dell’ente

Il decreto di commissariamento dell’ASI, l’Agenzia Spaziale Italiana, che nomina l’astrofisico Piero Benvenuti come commissario straordinario dell’ente, succedendo all’ex presidente Roberto Battiston, e come sub…

16 Nov 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Germania, il 19 gennaio Horst Seehofer lascerà la guida della Csu

Il ministro dell’Interno tedesco, Horst Seehofer, lascerà la guida della CSU – l’Unione Cristiano-Sociale in Baviera, il partito fratello della CDU -, il 19 gennaio,…

16 Nov 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Eurozona, ad ottobre inflazione in crescita al 2,2%

Ad ottobre 2018, l’inflazione nell’Eurozona è cresciuta al 2,2%, in aumento dello 0,1% rispetto a settembre. Lo rende noto l’Eurostat, l’Ufficio statistico dell’Unione europea, confermando,…

16 Nov 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia