Crollano i prestiti alle imprese | T-Mag | il magazine di Tecnè

Crollano i prestiti alle imprese

bankitaliaContinua il trend negativo. I prestiti delle banche italiane alle imprese diminuiscono infatti sensibilmente di mese in mese. A novembre 2013, secondo i dati diffusi venerdì da Bankitalia, la contrazione di prestiti alle società non finanziarie si è ampliata su base annua al 6%. Si conferma così l’andamento non certo positivo rilevato ultimamente: ad esempio, ad ottobre la contrazione dei prestiti aveva toccato il – 4,9% (“un segnale – aveva commentato il presidente di Confindustria, Giorgio Squinzi – del disagio del Paese”). Le imprese, la cui redditività è continuata a scendere (stando alle stime della Banca d’Italia riferite a novembre, il rapporto tra margine operativo lordo e valore aggiunto ha raggiunto il 31,3%, ovvero il minimo dal 1995) difficilmente riescono ad accedere al credito, diviene così sempre più difficile fare fronte ad una situazione già difficile. Tanto per farsi un’idea: nel rapporto di Bankitalia, diffuso a novembre, si segnalava come per il 2013 le aziende con almeno 20 addetti che prevedono di chiudere l’esercizio in utile è al 55%, una percentuale invariata sul 2012 ma di dieci punti inferiore al periodo precedente alla crisi economica.
Ma se le imprese hanno pochi motivi per essere serene, altrettanto possiamo dire delle famiglie italiane. I prestiti nei loro confronti sono infatti scesi dell’1,5% nell’arco degli ultimi dodici mesi (-1,3% su base mensile).
Più in generale, i prestiti al settore privato hanno registrato una contrazione su base annua del 4,3%. Al di là delle percentuali, secondo uno studio elaborato dalla Cgia di Mestre, tra il mese di ottobre del 2013 (ovvero quello che è l’ultimo dato disponibile) e lo stesso mese del 2012, la riduzione complessiva dei prestiti alle imprese a toccato quota 6,6 miliardi di euro. Le maggiori contrazioni – a livello territoriale e in termini percentuali, sia inteso – sono state rilevate nelle realtà imprenditoriali della provincia di Trieste (-8%) e quelle di Rovigo e di Trento (entrambe con – 6,4%). Il sistema bancario non sembra quindi aver accolto l’invito del governatore di Bankitalia, che – parlando nel corso dell’assemblea annuale dell’Abi nel luglio scorso – aveva ribadito: “Le banche italiane devono ampliare il sostegno creditizio a famiglie e imprese”. “I prestiti alle imprese – aveva sottolineato il numero uno di via Nazionale – sono ancora pochi in virtù degli aumenti dei rischi”.

 

Scrivi una replica

News

Alimentare, cresce il “Made in Italy”

Secondo l’analisi del Centro Studi CoMar, «le società italiane del settore alimentare-bevande sono, sempre più, un punto di forza dell’economia Italiana: sono 227 le aziende…

11 Dic 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Istat: «Stipendio medio cala a 13,9 euro all’ora»

«La retribuzione oraria media delle posizioni lavorative riferite ai dipendenti del settore privato (misurata dal registro statistico RACLI) è stata di 13,80 euro nel 2014,…

11 Dic 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Tria: «Reddito e pensioni restano»

«Reddito di cittadinanza e pensioni restano ma le misure tecnicamente richiederanno qualche mese per essere realizzate. La manovra non verrà rivoluzionata. La manovra non verà…

11 Dic 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Brexit, Ue: «Contrari alla riapertura dei negoziati»

«Ci sono stati lunghi negoziati per questa intesa sulla Brexit, sulle possibili relazioni future, e sulla questione dei confini irlandesi. Quella sul tavolo è la…

11 Dic 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia