Facebook a dieci anni dalla nascita | T-Mag | il magazine di Tecnè

Facebook a dieci anni dalla nascita

di Matteo Buttaroni

Mark_Zuckerberg_FacebookSono passati quasi dieci anni da quando ad Harvard Mark Zuckerberg ha dato via al fenomeno Facebook. Era poco più che un geniale nerd, che oggi, a poco meno di un decennio di distanza, è miliardario e il più giovane grande filantropo del mondo (nel 2013 ha donato 990 milioni di dollari alla Silicon Valley Community Foundation).
TheFacebook.com, così si chiamava il noto social network in origine, è stato lanciato il 4 febbraio del 2004 con l’intento di creare una rete sociale per gli studenti di Harvard. Allargatosi col tempo alle varie università statunitensi e ai licei, è poi sbarcato in Europa e nel mondo, divenendo dapprima un leader e poi uno stimolo per altre piattaforme quali Twitter e Google+.
In pochi anni Facebook ha raccolto oltre un miliardo di iscritti e compiuto acquisizioni da miliardi di dollari. Instagram per esempio. Il social network fotografico è risultato un acquisto più che giustificato dato che tra il 2004 ed il 2012 su Facebook sono state condivise miliardi di immagini e milioni di foto sono state caricate.
Tra utenti in crescita, fatturato (grazie alle pubblicità) alle stelle, acquisti esorbitanti ma anche controversie e polemiche legate alla privacy, Facebook è diventato un impero. Un impero che al momento dello sbarco a Wall Street, nel maggio del 2012, valeva ben 104 miliardi di dollari, una cifra record per una società del settore della rete. Il prezzo per azione era di 38 dollari per azione, cresciuo del 12% già alle prime contrattazioni. Oggi, a quasi dieci anni dal quel fatidico 4 febbraio 2004, Facebook conta 1,2 miliardi di iscritti, produce quasi cinque miliardi di dollari di fatturato e vale 134 miliardi. Gli utenti che si collegano mediante mobile sono oltre 870 milioni. E’ proprio il mobile l’El Dorado di Zuckerberg, basta pensare che il 60% dei ricavi provengono dalle pubblicità su smartphone e tablet.
Come ogni imperatore, l’obiettivo del genio di Harvard è quello di allargare i propri confini, aggiungendo alle sue reti sociali anche chi non dispone ancora oggi della rete. Lo fa portando avanti il progetto Internet.org. Annunciato nell’agosto del 2013 ha lo scopo di “rendere Internet accessibile ai due terzi della popolazione mondiale non ancora connessi”. Fatto sta che per gran parte degli internauti Facebook è ormai quotidianità. Ci si collega per contattare amici, partner, colleghi o anche sconosciuti. Ma quanto tempo ci ruba Facebook? Vorreste scoprirlo? Cliccate sull’immagine qui sotto.

Schermata 2014-01-29 a 13.28.28

 

10 Commenti per “Facebook a dieci anni dalla nascita”

  1. […] quanti giorni interi abbiamo speso negli ultimi dieci anni a postare, taggare, pokare su Facebook?Facebook a dieci anni dalla nascitaT-magQuanto tempo hai perso su Facebook? Ecco il contatore ufficialeUltime Notizie […]

Scrivi una replica

News

Europee, Moavero: «L’immigrazione è la priorità futura dell’Unione europea»

«A mio parere» l’Europa del dopo voto dovrà affrontare «cinque priorità: la prima inevitabilmente, lo dico da italiano e da europeo e da cittadino del…

23 Mag 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Conte: «Nostro obiettivo è fare terra bruciata alla mafia»

«Il nostro obiettivo è chiaro: fare terra bruciata alla mafia». Lo ha detto il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, intervenendo nell’aula bunker dell’Ucciardone, a Palermo,…

23 Mag 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Germania, a maggio indice Ifo in calo rispetto ad aprile

A maggio 2019, l’indice Ifo, che misura la fiducia delle imprese in Germania, è sceso a 97,9 dai 99,2 registrati ad aprile. Si tratta di…

23 Mag 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Consumi, rispetto al 2011 persi 60 miliardi di spesa

Negli ultimi otto anni il mercato interno italiano ha perso 60 miliardi di euro di spesa. È il dato allarmante sui consumi esposto oggi da…

23 Mag 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia