Privatizzazioni, Letta: “Fermeranno la crescita del debito pubblico” | T-Mag | il magazine di Tecnè

Privatizzazioni, Letta: “Fermeranno la crescita del debito pubblico”

Il pacchetto di privatizzazioni che il Governo ha avviato “E’ il più grosso che l’Italia fa da qualche anno a questa parte”. Il presidente del Consiglio, Enrico Letta, ha così commentato il pacchetto di privatizzazioni che il suo esecutivo ha varato. Il premier, intervenuto a margine di un incontro con la Commissione europea, ha anche aggiunto: le privatizzazioni vanno “nella direzione di rendere il nostro Paese più efficiente, di dare più opportunità agli azionisti, e nel caso di Poste anche ai dipendenti”. Le privatizzazioni consentiranno anche “di fermare la crescita del debito pubblico. Dopo 6 anni di crescita ininterrotta, nel 2014 il debito si ferma e comincia a scendere”.

 

Scrivi una replica

News

Nato: «Non è scontato il legame tra l’Ue e gli Usa»

«I legami fra Europa e Nord America vanno difesi nell’interesse della sicurezza dell’Occidente, ma non sono scontati. Non è inciso sulla pietra che il legame…

21 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Oxfam: «In italia 430mila attività irregolari nell’agricoltura»

«Milioni di donne e di uomini che ogni giorno lavorano in tutto il mondo e in Italia per portare il cibo sulle nostre tavole sono…

21 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Inps: «23,8 milioni di ore di cig, in calo del 39% su base annuale»

Nell’Osservatorio di statistica dell’Inps sulla cassa integrazione emerge che «a maggio sono arrivate all’Inps richieste per 23,8 milioni di ore di cassa integrazione con un…

21 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Martina: «Serve una nuova sinistra. Questo è un esecutivo di estrema destra»

«Serve una nuova sinistra, serve un nuovo impegno di centrosinistra nelle politiche, nelle scelte che si stanno compiendo. Questo è un governo di destra, per…

21 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia