Il diario del Festival di Venezia/6 | T-Mag | il magazine di Tecnè

Il diario del Festival di Venezia/6

di Fabio Francesca

Willem-Dafoe-interpreta-Pasolini-nellomonimo-film-di-abel-FerraraUltimi giorni del festival, il lido incomincia a svuotarsi, alcuni accreditati tornano a casa e la mostra si gioca le sue ultime fiches prima del gran finale di sabato con l’assegnazione del Leone d’oro.
“Non abbastano 48 ore per raccontare Pier Paolo Pasolini” dice Ninetto Davoli, e certamente non vi è riuscito Abel Ferrare con i suoi 87′ minuti di Pasolini presentato qui in concorso al festival. Il film mette in scena l’ultimo giorno di vita del poeta, tra quotidianità, vita, arte e pensieri, i suoi amici e i suoi cari, e poi il suo cinema, con gli attori e personaggi, fino alla morte, scevra da complottismi, rappresentata nella sua purezza cronachistica. La pellicola si avvale dell’interpretazione di Willem Dafoe che tenta di superare la semplice somiglianza fisica, di non cedere al puro mimetismo, per incarnarne i pensieri, gli scritti corsari, lo sguardo duro e compassionevole allo stesso tempo, di Pasolini.
A volte ai festival passano alcuni film quasi di nascosto, a cui molti danno poca considerazione mentre invece sono delle opere ben riuscite e molto importanti. È il caso del film cinese in concorso Red amnesia di Wang Xiaoshuai. Il film è costantemente in bilico tra una rappresentazione della difficile realtà pechinese, un dramma sulla solitudine nella nuova Cina e un thriller per poi scoprire che tutto ciò era solo un meccanismo per un poderosa riflessione sulla rivoluzione culturale maoista e di quello che ha lasciato alle generazioni contemporanee. Un mondo ormai rimasto ai margini del nuovo miracolo capitalistico che si rispecchia negli occhi inflessibili della sublime protagonista
Fuori concorso è stato presentato La trattativa di Sabina Guzzanti. Il film presume di offrirci un’inchiesta giornalistica sulla presunta trattativa stato-mafia, costruito su due blocchi uno di stampo documentaristico e una ricostruzione teatrale dei verbali e testimonianze del processo. La trattativa è un film che sposa una tesi e la porta avanti, senza prendere in considerazione altri punti di vista, risultando solamente un’opera diretta a compiacere chi la pensa come la regista. Unica nota da sottolineare la presenza di Daniele Ciprì come direttore della fotografia.
Infine chiudiamo con The sound and The fury ultimo lavoro da regista di James Franco. L’ex Harry Osborn di Spider-man si sta ricavando molto bene un nuovo ruolo di narratore dell’America lontana, quella fatta di praterie e grandi spazi. È dopo essersi cimentato l’anno scorso con Cormac McCarthy, quest’anno propone la sua versione di William Faulkner.
Nel prossimo ed ultima puntata spazio ai premi, i vincitori e i vinti con le ultime considerazione di questa settantunesima edizione della Mostra d’arte cinematografica.

 

Scrivi una replica

News

Governo, Di Maio: «Abbiamo indicato il nome di Giuseppe Conte»

«Oggi possiamo dire che siamo di fronte a un momento storico. Abbiamo indicato il nome di Giuseppe Conte al presidente della Repubblica», così Luigi di…

21 Mag 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Governo, Salvini: «Siamo pronti. Vogliamo aumentare il lavoro, nessuno ha niente da temere»

«Noi ci siamo, siamo pronti, abbiamo fatto il nome e indicato la squadra, vogliosi di far crescere l’economia del Paese. Il governo di cui vogliamo…

21 Mag 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Governo, Di Maio: «Abbiamo indicato al presidente della Repubblica il nome che può portare avanti il contratto»

«Abbiamo indicato al presidente della Repubblica il nome che secondo noi può portare avanti il contratto. È un momento storico. Ovviamente il nostro obiettivo era…

21 Mag 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Frontex: «Ad aprile il numero dei migranti è sceso del 78% rispetto al 2017»

Ad aprile 2018, il numero di migranti, giunti in Italia attraverso la rotta del Mediterraneo centrale, «è sceso in aprile a circa 2.800, in calo…

21 Mag 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia