Il Venezuela a rischio default? | T-Mag | il magazine di Tecnè

Il Venezuela a rischio default?

di Mirko Spadoni

Nicolás-MaduroIl Venezuela rischia moltissimo. A metà ottobre scadono infatti sei miliardi di dollari di titoli di Stato, un debito ingombrante e che secondo molti analisti Caracas non sarà in grado di onorare. “In 15 anni di rivoluzione, il Venezuela ha sempre fatto fronte ai suoi obblighi e quest’anno non sarà un’eccezione”, ha assicurato soltanto qualche giorno fa il presidente della Repubblica Bolivariana Nicolas Maduro. Ma al di là delle rassicurazioni – fondate o meno – del successore di Hugo Chavez a poche settimane dalla fatidica scadenza, il Venezuela sta vivendo una situazione paradossale.
Forte delle proprie riserve petrolifere (ogni anno Caracas esporta petrolio per 100 miliardi di dollari) e di una delle maggiori riserve accertate di gas al mondo (196mila miliardi di piedi cubici), Caracas non dovrebbe avere problemi a ripagare i propri debitori. Eppure non è così. Il Paese sudamericano, dove soltanto il 13,3% della popolazione ha più di 55 anni, è alle prese con un alto tasso di criminalità e di corruzione: il Venezuela occupa il 160esimo posto sui 177 disponibili nella graduatoria di Transparency International, che classifica (in ordine crescente) i Paesi in base alla percezione della corruzione. Senza per questo dimenticare l’elevato tasso di l’inflazione che ad agosto era pari al 63% su base annua. “Ma il fattore più inquietante – osserva Il Sole 24 Ore – è l’aumento dei prezzi alimentari, superiore al 90%”. Garantirsi un pasto non è l’unico problema dei cittadini venezuelani, moltissimi sono infatti quelli a non avere neanche una casa. Un problema non di poco conto e che il governo sembra comunque intenzionato a risolvere, centrando l’obiettivo del Programma Misión Gran Vivienda Venezuela, inaugurato nel 2011 per far fronte al deficit abitativo del Paese: costruire tre milioni di abitazioni entro il 2019. Anche pagando il proprio debito, il Venezuela – dove il tasso di istruzione è al 95,2% e l’aspettativa di vita è pari a 73 anni (dati Banca Mondiale) – resterà comunque uno dei posti meno sicuri al mondo: nel 2013 gli assassinii sono stati 24.763, in aumento rispetto ai 21.692 dell’anno precedente, secondo l’Osservatorio Venezuelano della Violenza (OVV). Emerge così che il tasso di omicidi è di 79 ogni 100.000 abitanti. I dati dell’Osservatorio non trovano tuttavia conferma in quelli del governo: secondo Caracas, il tasso di omicidi è infatti pari a 39 morti violente ogni 100.000 abitanti (-30% rispetto al 2012). Ma anche prendendo per vere le stime governative, il tasso di omicidi è comunque altissimo e rappresenta sicuramente un fattore deterrente per gli investitori esteri. Così come la corruzione: uno studio della Banca Mondiale (How Bribery Distorts Firm Growth: Differences by Firm Attributes di M.Seker e J.S. Young) dimostra che le imprese costrette a fronteggiare una pubblica amministrazione corrotta e devono pagare tangenti crescono in media quasi del 25% di meno rispetto a tutte quelle aziende che non sono costrette a fare i conti con tale problema.

segui @SpadoniMirko

 

Scrivi una replica

News

L’agenzia Moody’s taglia il rating dell’Italia a Baa3

L’agenzia Moody’s ha tagliato il rating dell’Italia a Baa3 (da Baa2, con outlook stabile), si tratta del gradino appena sopra il livello spazzatura. La decisione…

19 Ott 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Salvini: «Il governo va avanti, però la pazienza ha un limite»

«Il governo va avanti, certo, ci mancherebbe altro. Però la pazienza ha un limite. Adesso finire come Lega in mezzo alle beghe dei Cinquestelle, no.…

19 Ott 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Conte a Mosca il 24 ottobre per incontrare Putin

«Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte sarà a Mosca il 24 ottobre e incontrerà il presidente della Federazione russa Vladimir Putin e il primo ministro…

19 Ott 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Martina: «La manovra va tutta corretta. L’Italia sta rischiando grosso»

«La manovra va corretta in modo radicale. Conte dice che la manovra è bella, ma sono senza parole: c’è un limite a tutto». Lo ha…

19 Ott 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia