L’Istat rialza il Pil nominale del 3,8% | T-Mag | il magazine di Tecnè

L’Istat rialza il Pil nominale del 3,8%

Da settembre 2014 l'Istat, di concerto con Eurostat e con gli altri Istituti di statistica europei, adotta il nuovo Sistema europeo dei conti nazionali e regionali (Sec 2010). In questa sede vengono diffuse le nuove stime annuali dei conti nazionali per il periodo tra il 2009 e il 2013, che sostituiscono quelle pubblicate in precedenza per i medesimi anni

pil_crisi_economicaNel 2013 il Pil ai prezzi di mercato è stato pari a 1.618.904 milioni di euro correnti, con una riduzione dello 0,6% rispetto all’anno precedente. In volume il Pil è diminuito dell’1,9%.
Rispetto ai dati diffusi a marzo 2014, calcolati sulla base del Sec 95, il livello del Pil nominale per l’anno 2013 è stato rivisto al rialzo del 3,8%. I tassi di variazione del Pil per gli anni recenti hanno, invece, subìto revisioni molto contenute. In particolare, il tasso di variazione del Pil in volume del 2013 è risultato identico a quello stimato a marzo 2014; quello relativo al 2012 è stato rivisto al rialzo da -2,4% a -2,3%.
Dal lato della domanda nel 2013 si registra una caduta in volume del 2,3% dei consumi finali nazionali e del 5,4% degli investimenti fissi lordi, mentre le esportazioni di beni e servizi hanno segnato un aumento dello 0,6%. Le importazioni sono diminuite del 2,7%.
A livello settoriale, il valore aggiunto ha registrato un calo in volume in tutti i principali comparti, ad eccezione dell’agricoltura, silvicoltura e pesca (+0,6%). Le diminuzioni sono state del 3,0% nell’industria in senso stretto, del 5,8% nelle costruzioni e dell’1,2% nei servizi.
L’indebitamento netto delle Amministrazioni pubbliche (AP), misurato in rapporto al Pil, è risultato pari a -2,8%. La stima pubblicata ad aprile scorso, definita in base ai criteri del Sec 95, era pari a -3,0%. L’avanzo primario (indebitamento netto meno la spesa per interessi) espresso in rapporto al Pil risulta ora del 2,0%, con una revisione al ribasso di 0,2 punti percentuali rispetto alla stima in vecchio Sec.

Il Pil e le sue componenti
Nel 2013 il valore del Pil ai prezzi di mercato è stato pari a 1.618.904 milioni di euro correnti, in calo dello 0,6% rispetto al 2012.
In termini di volume il Pil segna una diminuzione dell’1,9%. Nel 2012 si era registrato un calo pari al 2,3%. La diminuzione del Pil nel 2013 è stata accompagnata da un calo del 2,7% delle importazioni di beni e servizi, che ha accentuato la contrazione delle risorse disponibili, risultata pari a -2,1%. Dal lato degli impieghi si registrano flessioni sia dei consumi finali nazionali (-2,3%), sia degli investimenti fissi lordi (-5,4%).Un contributo positivo alla variazione del Pil (+0,9 punti percentuali) è venuto dalla domanda estera netta, mentre è risultato ampiamente negativo l’apporto della domanda nazionale (-2,9 punti percentuali) e nullo quello della variazione delle scorte.
Nel 2013 il deflatore del Pil è aumentato dell’1,4%, il deflatore della spesa delle famiglie residenti dell’1,2% e quello dei consumi interni dell’1,3%; l’incremento del deflatore degli investimenti fissi lordi è stato dello 0,5%.
La ragione di scambio con l’estero nel 2013 è migliorata significativamente, per effetto di una diminuzione dell’1,8% del deflatore delle importazioni di beni e servizi e dello 0,1% di quello delle
esportazioni.

La domanda interna e la domanda estera netta
Nel 2013 la spesa per consumi finali delle famiglie residenti ha segnato un’ampia contrazione in volume ( -2,8%), dopo quella ancora più accentuata registrata nel 2012 (-4,0%). Il calo dei consumi è stato particolarmente marcato per i beni (-4,2%), mentre la spesa per i servizi è diminuita dell’1,3%. In termini di funzioni di consumo, le contrazioni più rilevanti hanno riguardato la spesa per sanità (-5,3%) e quella per vestiario e calzature (-5,2%).
La spesa delle Amministrazioni pubbliche e quella delle Istituzioni sociali private (Isp) hanno registrato entrambe una diminuzione in volume dello 0,7%. Gli investimenti fissi lordi nel 2013 hanno segnato una marcata flessione in volume (-5,4%), dopo quella che aveva già caratterizzato il 2012 (-7,4%). Il calo ha riguardato gli investimenti in costruzioni (-6,8%) e quelli in macchine e attrezzature1 (-6,9%), mentre per gli investimenti in mezzi di trasporto si registra un aumento del 4,2%. Le esportazioni di beni e servizi sono aumentate in volume dello 0,6%, mentre le importazioni sono scese del 2,7%.

I settori produttivi
Nel 2013 il valore aggiunto in volume ha subìto nel suo complesso una diminuzione dell’1,8%; nel 2012 aveva registrato una flessione dell’1,9%. Tutti i settori hanno segnato variazioni negative, ad eccezione dell’agricoltura, silvicoltura e pesca che ha registrato un incremento dello 0,6%. Le diminuzioni sono state del 5,8% nelle costruzioni, del 3,0 % nell’industria in senso stretto e dell’1,2% nei servizi.

Occupazione e redditi da lavoro
Le unità di lavoro (Ula) sono diminuite dell’1,7%. Il calo ha riguardato sia la componente dei dipendenti (-1,6%), sia quella degli indipendenti (-1,9%). La diminuzione delle Ula ha interessato tutti i settori, con cali dell’8,5% per le costruzioni, dell’1,5% per l’agricoltura, silvicoltura e pesca, dell’1,4% per l’industria in senso stretto e dell’1,1% per i servizi.
I redditi da lavoro dipendente e le retribuzioni lorde sono diminuiti entrambi dello 0,5%. Le retribuzioni lorde per unità di lavoro hanno registrato un incremento del 2,5% nel settore agricolo, del 2,0% nell’industria in senso stretto, dell’1,7% nelle costruzioni e dello 0,7% nei servizi; nel totale dell’economia l’aumento è stato dell’1,2%.

Indebitamento netto e saldo primario delle AP
Per effetto delle revisione straordinaria associata all’introduzione del Sec 2010, l’Istat ha elaborato ex-novo le stime del conto consolidato delle Amministrazioni pubbliche per il 2013.
L’indebitamento netto delle Amministrazioni pubbliche in rapporto al Pil è stato pari al -2,8%, in diminuzione rispetto a quanto registrato nel 2012 (Tavole 18 e 19). In valore assoluto l’indebitamento è di -45.358 milioni di euro, in calo di 3.260 milioni rispetto a quello dell’anno precedente.
Il saldo primario (indebitamento netto al netto della spesa per interessi) è risultato positivo e pari a 32.843 milioni di euro, con un’incidenza sul Pil del 2,0% (nel 2012 era pari al 2,2%).
Il saldo di parte corrente (risparmio o disavanzo delle Amministrazioni pubbliche) è stato positivo e pari a 2.661 milioni di euro, a fronte dei 9.993 milioni del 2012. Tale peggioramento è il risultato di
una diminuzione delle entrate correnti di circa 2,9 miliardi di euro e di aumento delle uscite correnti pari a circa 4,5 miliardi di euro.

 

Scrivi una replica

News

Iran: «I Paesi europei salvino l’accordo sul nucleare»

«L’Iran chiede ai Paesi europei di fare sforzi più seri e solleciti per mettere in atto iniziative economiche che permettano di salvare l’accordo sul nucleare».…

20 Ago 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Spagna, attacco a polizia è stato un atto terroristico

Il numero due della polizia di Barcellona ha reso noto che l’attacco di questa mattina alla stazione di polizia catalana, è stato un atto terroristico.…

20 Ago 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Afghanistan: «Liberi 149 ostaggi. Uccisi sette terroristi talebani»

Il portavoce del ministero dell’Interno afghano ha reso noto che le forze governative afgane hanno liberato le 149 persone che erano state rapite nel corso…

20 Ago 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ue: «Al lavoro per trovare una soluzione sulla nave Diciotti»

«Non commentiamo le parole di Salvini che dice di voler riportare i migranti in Libia se l’Ue non troverà una soluzione. Ma sul caso della…

20 Ago 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia