Frenano spesa delle famiglie e investimenti | T-Mag | il magazine di Tecnè

Frenano spesa delle famiglie e investimenti

investimentiSono 1.071,27 i miliardi lasciati in banca da italiani e imprese. La crisi economica costringe sempre più al risparmio, tanto che secondo Unimpresa la cifra è cresciuta di 32 miliardi di euro rispetto ai 1.039,27 miliardi registrati a luglio 2013 (+9,26%).
Stando all’analisi nell’arco di dodici mesi l‘aumento complessivo delle riserve di imprese, famiglie, fondi, assicurazioni e onlus è stato pari a 21,1 miliardi di euro.
I depositi delle aziende sono cresciuti del 7,07%, passando da 189,93 miliardi a 203,36 miliardi, per una crescita di 13,43 miliardi. I risparmi delle imprese familiari sono cresciuti di 678 milioni, facendo passare i depositi da 45,5 miliardi a 44,18 miliardi.
I depositi delle onlus sono cresciuti invece di 1,02 miliardi di euro, salendo a 23,74 miliardi da 22,71.
In calo (di 299 milioni di euro) i depositi di assicurazioni e fondi pensioni: in questo caso la diminuzione, dell’1,25%, ha portato la cifra da 24,01 miliardi a 23,71 miliardi.
Per quanto riguarda le famiglie l’analisi evidenzia una crescita delle riserve del 2,19% (18,57 miliardi), passati tra 2013 e 2014 da 849,33 miliardi a 867,9 miliardi. Di conseguenza i depositi sono passati da 1.131,5 miliardi a 1.164,9 miliardi in aumento di 33,40 miliardi (+2,95%).
Il comparto dei conti correnti ha riportato una crescita del 5,54%, quindi di oltre 42 miliari, passando dai 775,87 miliardi del 2013 a 818,84 miliardi. Unimopresa ha rilevato un aumento anche del denaro circolante (+4,20%), da 158,67 miliardi a 165,33 miliardi; e dei depositi vincolati a breve scadenza (+0,92%), da 165,71 miliardi a 167,23 miliardi. Lieve calo (-0,21%) per i depositi rimborsabili con preavviso, passati da 308,27 miliardi a 307,62 miliardi.
“E’ evidente – segnala il presidente di Unimpresa, Paolo Longobardi – che gli italiani, in particolare le famiglie, subiscono pesantemente i contraccolpi della crisi e la stanno pagando soprattutto in termini di crollo della fiducia. Ed è proprio la paura di nuovi scossoni e l’incertezza sul futuro a frenare la spesa e quindi i consumi. Ma le famiglie e le imprese temono pure altre stangate fiscali. Ancora non è chiaro come sarà messa a punto la legge di stabilità dal governo di Matteo Renzi; ogni tanto si parla di patrimoniale e certe voci frenano inevitabilmente i consumi. Serve un segnale forte e magari questo segnale deve arrivare proprio dal calo della pressione fiscale. Come abbiamo già osservato, il giro di vite fiscale degli ultimi anni ha ridotto i consumi provocando inevitabilmente un calo del gettito e la riduzione delle entrate potrebbe aumentare ancora. Allo Stato non conviene alzare troppo l’asticella del fisco”.

 

Scrivi una replica

News

Bankitalia: «Rivista al ribasso la crescita prevista per il 2019: possibile recessione tecnica»

«In Italia, dopo che la crescita si era interrotta nel terzo trimestre, gli indicatori congiunturali disponibili suggeriscono che l’attività potrebbe essere ancora diminuita nel quarto».…

18 Gen 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Banca Carige, la Commissione europea ha approvato il piano del governo per garantire i bond

Lo schema elaborato dal governo, per garantire i bond emessi da Banca Carige e per aiutarlo a raccogliere i fondi di cui necessita, è stato…

18 Gen 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Maturità 2019, rese note le materie per la prova multidisciplinare

Nella seconda prova scritta della maturità 2019, debutta la prova multidisciplinare: al liceo classico sono previsti, infatti, Latino e Greco; Matematica e Fisica allo Scientifico.…

18 Gen 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Mattarella: «Giusto riflettere sull’austerità»

Le recenti dichiarazioni del presidente della Commissione europea, Jean Claude Juncker, sull’eccessiva austerità negli anni della crisi del debito nell’Eurozona «hanno stimolato alcune riflessioni che…

18 Gen 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia