Si fanno largo i “2-in-1” | T-Mag | il magazine di Tecnè

Si fanno largo i “2-in-1”

ultra_bookA quanto pare il mercato dei tablet è arrivato a un punto di stallo. Complice, da un lato, la lunga durata dei dispositivi, che porta quindi i consumatori a rimandare dismissione e sostituzione, e, dall’altro, l’entrata massiccia sul mercato dei dispositivi “2-in-1”.
Secondo Gartner, infatti, le vendite del 2014 sarebbero cresciute solo dell’11% contro il 68% registrato nel 2013 sul 2012. I dispositivi venduti sono stati circa 216 milioni, contro i 195 milioni del 2013 (e i 116 milioni del 2012).
Le cause, secondo il Research Director di Gartner, Ranjit Atwal, sono molteplici. “Innanzitutto – spiega – la durata di vita di tali device si estende sempre più, visto che sono condivisi tra i membri della famiglia, e il periodico aggiornamento del software, in particolare per i dispositivi iOS, mantiene i tablet aggiornati. Un altro fattore che incide è la mancanza di innovazione nell’hardware, il che frena i consumatori dal comprarne di nuovi”.
È proprio in base a tali motivazioni che nelle stime per il 2015 e per il 2016 Gartner indica un ulteriore rallentamento. Ci si aspetta, infatti, un +8%, a 233 milioni di unità per l’anno in corso e un +10% per quello a seguire (a 259 milioni di dispositivi). Per il 2018 le stime di vendita parlano di circa 285 milioni di unità che, se confermate, significherebbero un +13% progressivo annuo, quindi una lieve ripresa rispetto al dato odierno.
Stando alle previsioni, i consumatori che decideranno di sostituire il proprio dispositivo, non lo faranno acquistando un nuovo tablet, piuttosto opteranno per un “2-in-1”, ovvero un device ibrido tra laptop e tablet, consentendo una crescita esponenziale della quota di mercato di tali dispositivi, arrivando addirittura al 32% del mercato entro il 2018.
La crescita del comparto degli Ultramobile (in cui rientrano alcuni tipi di laptop-tablet) è stata rilevante già tra 2013 e 2014 e promette di raggiungere buoni risultati anche per l’anno appena iniziato. Dai 21, 5 milioni di dispositivi venduti nel 2013 si è passati agli oltre 37 milioni del 2014. Gartner indica poi vendite superiori ai 64 milioni di dispositivi per il 2015 e superiori alle 85 milioni di unità per il 2016.
Il fenomeno “2-in-1” darà anche una scossa al mercato totale dei Pc: in calo ormai da diversi anni, crescerà dello 0,9% tra 2014 e 2015 (passando dai 318 ai 321 milioni di dispositivi) e del 3,7% nel 2016 (a 333 milioni di device).

(articolo pubblicato il 16 gennaio 2015 su Tgcom24)

 

Scrivi una replica

News

Ocse: “In Italia i titoli di studio non sono veritieri”

“In Italia i titoli di studio e le qualifiche danno un’indicazione molto debole delle reali competenze e abilità degli studenti e dei lavoratori che li…

15 Dic 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Germania, Schulz: “Ad inizio gennaio al via i colloqui con Spd e Cdu”

I colloqui tra Spd e Cdu, per la formazione di un nuovo governo, inizieranno “all’inizio di gennaio”. Lo ha detto il leader dei socialdemocratici tedeschi,…

15 Dic 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Istat: “Nel 2016 tra gli italiani laureati andati all’estero uno su tre è tornato in Italia”

“Nel 2016 circa 16 mila laureati italiani tra i 25 e i 39 anni hanno lasciato il Paese e poco più di 5 mila sono…

15 Dic 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Bankitalia ha alzato le stime di crescita dell’economia italiana per il 2017-2018

Nel 2017 il Prodotto interno lordo italiano crescerà dell’1,6%. Lo prevede la Banca d’Italia, che ha alzato le stime di crescita dell’economia sia per quest’anno…

15 Dic 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia