Si fanno largo i “2-in-1” | T-Mag | il magazine di Tecnè

Si fanno largo i “2-in-1”

ultra_bookA quanto pare il mercato dei tablet è arrivato a un punto di stallo. Complice, da un lato, la lunga durata dei dispositivi, che porta quindi i consumatori a rimandare dismissione e sostituzione, e, dall’altro, l’entrata massiccia sul mercato dei dispositivi “2-in-1”.
Secondo Gartner, infatti, le vendite del 2014 sarebbero cresciute solo dell’11% contro il 68% registrato nel 2013 sul 2012. I dispositivi venduti sono stati circa 216 milioni, contro i 195 milioni del 2013 (e i 116 milioni del 2012).
Le cause, secondo il Research Director di Gartner, Ranjit Atwal, sono molteplici. “Innanzitutto – spiega – la durata di vita di tali device si estende sempre più, visto che sono condivisi tra i membri della famiglia, e il periodico aggiornamento del software, in particolare per i dispositivi iOS, mantiene i tablet aggiornati. Un altro fattore che incide è la mancanza di innovazione nell’hardware, il che frena i consumatori dal comprarne di nuovi”.
È proprio in base a tali motivazioni che nelle stime per il 2015 e per il 2016 Gartner indica un ulteriore rallentamento. Ci si aspetta, infatti, un +8%, a 233 milioni di unità per l’anno in corso e un +10% per quello a seguire (a 259 milioni di dispositivi). Per il 2018 le stime di vendita parlano di circa 285 milioni di unità che, se confermate, significherebbero un +13% progressivo annuo, quindi una lieve ripresa rispetto al dato odierno.
Stando alle previsioni, i consumatori che decideranno di sostituire il proprio dispositivo, non lo faranno acquistando un nuovo tablet, piuttosto opteranno per un “2-in-1”, ovvero un device ibrido tra laptop e tablet, consentendo una crescita esponenziale della quota di mercato di tali dispositivi, arrivando addirittura al 32% del mercato entro il 2018.
La crescita del comparto degli Ultramobile (in cui rientrano alcuni tipi di laptop-tablet) è stata rilevante già tra 2013 e 2014 e promette di raggiungere buoni risultati anche per l’anno appena iniziato. Dai 21, 5 milioni di dispositivi venduti nel 2013 si è passati agli oltre 37 milioni del 2014. Gartner indica poi vendite superiori ai 64 milioni di dispositivi per il 2015 e superiori alle 85 milioni di unità per il 2016.
Il fenomeno “2-in-1” darà anche una scossa al mercato totale dei Pc: in calo ormai da diversi anni, crescerà dello 0,9% tra 2014 e 2015 (passando dai 318 ai 321 milioni di dispositivi) e del 3,7% nel 2016 (a 333 milioni di device).

(articolo pubblicato il 16 gennaio 2015 su Tgcom24)

 

Scrivi una replica

News

La vendemmia del 2017 sarà fra le più scarse del dopo guerra, in calo del 25%

La vendemmia del 2017 sarà fra le più scarse del dopoguerra, con un calo del 25% rispetto al 2015. Mentre l’export vinicolo aumenta del 6,3%.…

23 Ago 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Quantitative easing, Draghi: “Ampie ricerche dimostrano il suo successo”

“Ampie ricerche empiriche hanno affermato il successo di queste politiche nel supportare l’economia e l’inflazione, sia nell’Eurozona, sia negli Usa”. Lo ha detto il presidente…

23 Ago 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Germania, indice Pmi manifattura in crescita a 59,4 punti

Sale a 59,4 punti dai 58,1 di luglio l’indice Pmi manifatturiero della Germania nel mese di agosto. Il dato è superiore alle attese che prevedevano…

23 Ago 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Eurozona, indice Pmi manifattura in aumento a 57,4 punti

Cresce l’indice Pmi manifatturiero dell’Eurozona, che ha registrato un aumento a 57,4 punti nel mese di agosto, contro i 56,3 punti precedentemente stimati.…

23 Ago 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia