Frena il mercato europeo dell’auto | T-Mag | il magazine di Tecnè

Frena il mercato europeo dell’auto

A maggio le registrazioni di nuovi veicoli sono cresciute solo di 1,4 punti percentuali nell’Unione europea e di 0,3 nell’Eurozona

mercato_autoPer una volta l’Italia non ha contribuito all’andamento negativo di un indicatore europeo. Stiamo parlando del mercato delle auto che a maggio ha registrato una brusca frenata rispetto alla crescita registrata nei primi quattro mesi dell’anno.
A mettere il bastone tra le ruote della ripresa delle immatricolazioni europee sono state soprattutto Germania e Francia (due dei principali mercati dell’Unione) che hanno registrato, rispettivamente, crolli del 6,7% e del 3,5%. Anche Austria, Belgio, Olanda, Finlandia, Lussemburgo e d Estonia mostrano variazioni negative contribuendo a far rallentare la crescita delle immatricolazioni dell’Ue dei 28 al +1,4% e quelle dell’area della moneta unica al +0,3%. Crescono, invece, del 4,2% le immatricolazioni dei Paesi extra-Eurozona.
Come l’Italia, crescite notevoli sono state registrate anche da Spagna, che ha riportato un +14%; Grecia, con un +21,6%; e Portogallo, +33,1%.
Per ricordare: a maggio il nostro Paese ha registrato l’ennesima (più precisamente la quinta) crescita a doppia cifra consecutiva, mettendo a segno un +10,78% rispetto allo stesso mese dello scorso anno. Le immatricolazioni sono infatti risultate 146.582 contro le 132.313 del maggio 2014.
Nell’intero periodo gennaio-maggio la Motorizzazione italiana ha immatricolato 725.516 auto, il 15,20% in più rispetto ai primi cinque mesi dello scorso anno. Sono dodici mesi consecutivi che il mercato italiano delle auto cresce.
Tornando al mercato europeo, e guardando ai principali gruppi, il Centro studi Promotor ha rilevato una calo del 2% per quanto riguarda le immatricolazioni di auto del gruppo Volkswagen (che mantiene comunque il rimato in Europa). Il gruppo francese Psa perde invece 5,2 punti. Sale del 5,4% la Renault, mentre la Ford e l’Opel registrano, rispettivamente, una contrazione dello 0,6% e del 5%.
Buoni risultati riguardano invece Fca (+9%), Bmw (+7,9%), Daimler (+11,5%), Nissan (+13,7%), Hyundai (+3,5%) e Kia (+7,7%).

(articolo pubblicato il 16 giugno su Tgcom24)

 

Scrivi una replica

News

Bankitalia: «Rivista al ribasso la crescita prevista per il 2019: possibile recessione tecnica»

«In Italia, dopo che la crescita si era interrotta nel terzo trimestre, gli indicatori congiunturali disponibili suggeriscono che l’attività potrebbe essere ancora diminuita nel quarto».…

18 Gen 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Banca Carige, la Commissione europea ha approvato il piano del governo per garantire i bond

Lo schema elaborato dal governo, per garantire i bond emessi da Banca Carige e per aiutarlo a raccogliere i fondi di cui necessita, è stato…

18 Gen 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Maturità 2019, rese note le materie per la prova multidisciplinare

Nella seconda prova scritta della maturità 2019, debutta la prova multidisciplinare: al liceo classico sono previsti, infatti, Latino e Greco; Matematica e Fisica allo Scientifico.…

18 Gen 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Mattarella: «Giusto riflettere sull’austerità»

Le recenti dichiarazioni del presidente della Commissione europea, Jean Claude Juncker, sull’eccessiva austerità negli anni della crisi del debito nell’Eurozona «hanno stimolato alcune riflessioni che…

18 Gen 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia