Il peso della burocrazia in Italia | T-Mag | il magazine di Tecnè

Il peso della burocrazia in Italia

lavoro_impreseLa burocrazia rappresenta l’ostacolo principale per chi vuole avviare un’attività nel nostro Paese. Il 19,9% degli imprenditori italiani se n’è detto convinto nel corso di una rilevazione del Censis. D’altronde l’adempimento delle pratiche burocratiche richiede molto tempo e uno sforzo economico consistente.
Chiamati a scegliere 15 fattori che ostacolano lo sviluppo delle imprese nel corso di una rilevazione del Censis, il 19,9% degli imprenditori pone al primo posto una burocrazia statale, giudicata inefficiente. Quest’ultima è la principale zavorra per chi vuole avviare un’attività economica, sostengono gli imprenditori. Si tratta di una percentuale superiore rispetto a quella rilevata nelle principali economie europee: Regno Unito (8,5%), Germania (8,9%) e Francia (10,3%).
Del resto l’adempimento delle pratiche burocratiche richiede tempo (un’azienda impiega mediamente 269 ore l’anno, secondo il Centro Studi ImpresaLavoro) e uno sforzo economico notevole. Stando ad una stima della Cgia di Mestre, aggiornata al 31 dicembre del 2012, le piccole e medie imprese (pmi) italiane – ovvero quelle che occupano meno di 250 persone e il cui fatturato annuo non supera i 50 milioni di euro – sborsano 31 miliardi di euro all’anno (circa 7.000 euro ciascuna) per sostenere i costi amministrativi, che non rappresentano l’unica voce di spesa.
Oltre ai costi amministrativi, infatti, vanno considerate i contributi previdenziali e le tasse che, tornando alla rilevazione del Censis, rappresentano l’ostacolo principale per il 18,7% degli imprenditori italiani. Complessivamente, conclude la Cgia di Mestre, il peso tributario e contributivo ammonta a 217,8 miliardi di euro, che – sommati alle spese per le pratiche burocratiche – toccano i 248,8 miliardi di euro.
Eppure liberare le imprese dal peso della burocrazia non consentirebbe agli imprenditori di risparmiare tempo e denaro, ma apporterebbe benefici anche al sistema produttivo del nostro Paese: secondo Confartigianato, infatti, la produttività delle aziende italiane crescerebbe del 2,3%. Per le micro imprese – ovvero quelle che impiegano fino a 9 addetti – l’aumento sarebbe ancor più consistente, pari al 5,8%. Quanto basta per recuperare oltre la metà (il 53,7%) del gap di produttività che attualmente scontano rispetto alla media della produttività delle micro imprese attive in Francia, Germania e Spagna.

(articolo pubblicato il 18 giugno su Tgcom24)

 

Scrivi una replica

News

Ocse: “Da aumento tassi di interesse rischi per il debito pubblico”

L’incremento dei tassi di interesse pone una “sfida significativa” sui bilanci dei Paesi dell’area OCSE. Lo sottolinea l’OCSE, l’Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo…

23 Feb 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Siria, oltre duemila persone morte a Ghouta negli ultimi tre mesi

Negli ultimi tre mesi, oltre duemila civili sono stati uccisi a Ghouta, l’area est di Damasco occupata dai cosiddetti ribelli, che il governo siriano sta…

23 Feb 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Corea del Nord, Trump: “Presto il pacchetto di sanzioni più grande di sempre”

“Stiamo lanciando il pacchetto di sanzioni contro la Corea del Nord più grande di sempre”. Lo ha annunciato il presidente degli Stati Uniti, Donald J.Trump.…

23 Feb 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Calcio, sorteggiati gli ottavi di finale: Lazio-Dinamo Kiev e Milan-Arsenal

A Nyon, in Svizzera, sono stati sorteggiati gli ottavi di finale di Europa League. La Lazio ha pescato gli ucraini della Dinamo Kiev mentre il…

23 Feb 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia