Nell’ultimo trimestre 17 milioni gli e-shopper | T-Mag | il magazine di Tecnè

Nell’ultimo trimestre 17 milioni gli e-shopper

Oltre al numero degli acquirenti cresce anche il grado di soddisfazione per tutte le fasi di acquisto (dalla consultazione di un prodotto alla consegna). Scende la sfiducia verso i pagamenti online
di Matteo Buttaroni

ecommerceL’e-commerce sta passando sempre più dall’essere un fenomeno di nicchia all’essere una pratica usuale per molti italiani. Questo perché crescono sempre più la fiducia dei consumatori verso i pagamenti in rete e la consapevolezza che online si risparmia tempo e, in molti casi, anche denaro.
A dimostrarlo, oltre che i numeri veri e propri del mercato, anche il grado di soddisfazione espresso dagli acquirenti in merito a tutta la prassi legata all’e-commerce. Secondo Netcomm l’indice di soddisfazione è infatti in costante crescita, tanto da esser passato a 8,5 punti dagli 8 del 2011.
Nell’ultimo trimestre sono stati 16,9 milioni gli utenti che hanno acquistato in rete, oltre la metà (il 55,1%) degli italiani che accedono ad internet. Gli acquirenti abituali, ovvero quelli che fanno acquisti in rete almeno tre volte ogni trimestre, sono stati undici milioni e hanno rappresentato circa l’88% dell’intero valore degli acquisti via e-commerce.
I dati, contenuti nel Rapporto trimestrale intitolato eCommerce Index – Evoluzione degli acquisti degli italiani redatto da Netcomm e Human Highway, ha rilevato, oltre alla crescita continua di e-shopper, che gli acquirenti ormai “fidelizzati” allargano sempre più lo sguardo ad altre categorie di acquisto (per esempio: di trimestre in trimestre crescono gli utenti che, affacciatisi all’e-commerce per acquistare prodotti elettronici, si sono piano piano spostati anche sull’abbigliamento e altre tipologie).
Dalle rilevazioni trimestrali è inoltre emerso che la tipologia di acquisti varia anche in base alla stagione alle porte. L’estate sempre più vicina ha infatti comportato una crescita degli acquisti di libri, biglietti viaggio e capi d’abbigliamento. I primi hanno raggiunto infatti una quota del 15,4%, la più alta tra le varie categorie. I secondi il 13,1% mentre i capi d’abbigliamento il 12,5%.
Appena sotto il podio si posizionano le ricariche telefoniche (11,1%), seguiti da computer e periferiche (6,5%), da telefonini e smartphone (6,2%), soggiorni (4,9%) e biglietti per cinema, teatro e altri eventi (4,9%).
Un altro fattore che decreta il successo del e-commerce è il fatto che, se da un lato cresce la soddisfazione verso tutto il processo che va dall’acquisto al recapito, dall’altro scende la sfiducia nei pagamenti online, tanto che solo il 5,7% degli utenti afferma di diffidarne.

(articolo pubblicato il 23 giugno su Tgcom24)

 

Scrivi una replica

News

Commercio, a giugno export dei prodotti industriali in crescita

«A giugno 2018 si stima una crescita congiunturale per le esportazioni (+4,6%) e un più contenuto aumento per le importazioni (+0,3%). Il sostenuto incremento congiunturale…

10 Ago 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Regno Unito, nel secondo trimestre Pil in crescita dello 0,4% su base mensile

Nel secondo trimestre 2018, il Prodotto interno lordo del Regno Unito è cresciuto dello 0,4% su base mensile. Lo rende noto l’Office for Nationals Statistics,…

10 Ago 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Giappone, Pil in crescita dello 0,5% nel secondo trimestre

Il Pil del Giappone nel secondo trimestre del 2018 ha registrato una crescita dello 0,5% su base trimestrale e dell’1,9% su base annuale. I dati…

10 Ago 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Trump: «Usa raddoppia dazi su metalli della Turchia, passando dal 10 al 20%»

«Ho appena autorizzato un raddoppio dei dazi sull’acciaio e l’alluminio della Turchia in quanto la loro valuta, la lira turca, è in rapido calo nei…

10 Ago 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia