Nell’ultimo trimestre 17 milioni gli e-shopper | T-Mag | il magazine di Tecnè

Nell’ultimo trimestre 17 milioni gli e-shopper

Oltre al numero degli acquirenti cresce anche il grado di soddisfazione per tutte le fasi di acquisto (dalla consultazione di un prodotto alla consegna). Scende la sfiducia verso i pagamenti online
di Matteo Buttaroni

ecommerceL’e-commerce sta passando sempre più dall’essere un fenomeno di nicchia all’essere una pratica usuale per molti italiani. Questo perché crescono sempre più la fiducia dei consumatori verso i pagamenti in rete e la consapevolezza che online si risparmia tempo e, in molti casi, anche denaro.
A dimostrarlo, oltre che i numeri veri e propri del mercato, anche il grado di soddisfazione espresso dagli acquirenti in merito a tutta la prassi legata all’e-commerce. Secondo Netcomm l’indice di soddisfazione è infatti in costante crescita, tanto da esser passato a 8,5 punti dagli 8 del 2011.
Nell’ultimo trimestre sono stati 16,9 milioni gli utenti che hanno acquistato in rete, oltre la metà (il 55,1%) degli italiani che accedono ad internet. Gli acquirenti abituali, ovvero quelli che fanno acquisti in rete almeno tre volte ogni trimestre, sono stati undici milioni e hanno rappresentato circa l’88% dell’intero valore degli acquisti via e-commerce.
I dati, contenuti nel Rapporto trimestrale intitolato eCommerce Index – Evoluzione degli acquisti degli italiani redatto da Netcomm e Human Highway, ha rilevato, oltre alla crescita continua di e-shopper, che gli acquirenti ormai “fidelizzati” allargano sempre più lo sguardo ad altre categorie di acquisto (per esempio: di trimestre in trimestre crescono gli utenti che, affacciatisi all’e-commerce per acquistare prodotti elettronici, si sono piano piano spostati anche sull’abbigliamento e altre tipologie).
Dalle rilevazioni trimestrali è inoltre emerso che la tipologia di acquisti varia anche in base alla stagione alle porte. L’estate sempre più vicina ha infatti comportato una crescita degli acquisti di libri, biglietti viaggio e capi d’abbigliamento. I primi hanno raggiunto infatti una quota del 15,4%, la più alta tra le varie categorie. I secondi il 13,1% mentre i capi d’abbigliamento il 12,5%.
Appena sotto il podio si posizionano le ricariche telefoniche (11,1%), seguiti da computer e periferiche (6,5%), da telefonini e smartphone (6,2%), soggiorni (4,9%) e biglietti per cinema, teatro e altri eventi (4,9%).
Un altro fattore che decreta il successo del e-commerce è il fatto che, se da un lato cresce la soddisfazione verso tutto il processo che va dall’acquisto al recapito, dall’altro scende la sfiducia nei pagamenti online, tanto che solo il 5,7% degli utenti afferma di diffidarne.

(articolo pubblicato il 23 giugno su Tgcom24)

 

Scrivi una replica

News

Ocse: “Da aumento tassi di interesse rischi per il debito pubblico”

L’incremento dei tassi di interesse pone una “sfida significativa” sui bilanci dei Paesi dell’area OCSE. Lo sottolinea l’OCSE, l’Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo…

23 Feb 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Siria, oltre duemila persone morte a Ghouta negli ultimi tre mesi

Negli ultimi tre mesi, oltre duemila civili sono stati uccisi a Ghouta, l’area est di Damasco occupata dai cosiddetti ribelli, che il governo siriano sta…

23 Feb 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Corea del Nord, Trump: “Presto il pacchetto di sanzioni più grande di sempre”

“Stiamo lanciando il pacchetto di sanzioni contro la Corea del Nord più grande di sempre”. Lo ha annunciato il presidente degli Stati Uniti, Donald J.Trump.…

23 Feb 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Calcio, sorteggiati gli ottavi di finale: Lazio-Dinamo Kiev e Milan-Arsenal

A Nyon, in Svizzera, sono stati sorteggiati gli ottavi di finale di Europa League. La Lazio ha pescato gli ucraini della Dinamo Kiev mentre il…

23 Feb 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia