Gli italiani tagliano (anche) le spese per le cure mediche | T-Mag | il magazine di Tecnè

Gli italiani tagliano (anche) le spese per le cure mediche

Sempre più italiani razionalizzano le visite mediche selezionando quelle ritenute indispensabili e accantonando le altre

dentistaTra i vari tagli alla spesa, resi necessari dalla difficile situazione economica che ha interessato l’Italia, rientrano anche quelli per le cure mediche. Numerosi rapporti, come quello redatto dall’Osservatorio Sanità di Unisalute del Gruppo Unipol, avevano evidenziato come questa dinamica avesse trovato conferma anche nel 2014.
Lo scorso anno, infatti, il 53% del campione intervistato per la realizzazione dell’analisi, ha spiegato di aver razionalizzato le spese sanitarie selezionando (nel 38% dei casi) le visite ritenute indispensabili e accantonando le altre. Il 15% spiega invece di aver ridotto i controlli medici proprio per ragioni economiche.
Le ragioni economiche sono alla base anche dei tagli, rilevati dall’Istat, alle visite odontoiatriche. La quota di italiani, che nel corso del 2013 si è recata dal dentista, è infatti scesa al 37,9% dal 39,3% del 2005. Nel 12% dei casi la rinuncia a controlli di questo tipo è legata, infatti, a motivi prettamente economici.
Mentre scende la quota di quanti sono stati dal dentista nel corso dei dodici mesi che hanno preceduto l’indagine, l’Istat ha rilevato un aumento degli italiani che si prestano ad un controllo nell’arco di uno e tre anni. In particolare la quota è passata dal 24% del 2005 al 29,2% del 2013.
Il calo generale delle cure odontoiatriche tra il 2005 ed il 2013 è da attribuire, spiega l’Istituto nazionale di statistica, soprattutto ad un minor ricorso al dentista privato (che rappresenta comunque il principale punto di riferimento in questo senso).
Tra i due anni presi in considerazione la quota di italiani che si è recata presso uno studio privato è scesa dal 34,7% al 32,3%, mentre è rimasto pressoché invariato il ricorso a strutture pubbliche o convenzionate: poco al di sopra del 5%.
Stando all’analisi, il calo delle cure private avrebbe coinvolto maggiormente i bambini di età compresa tra i sei ed i 14 anni, una fascia di età che ha visto il dato scendere dal 41,8% del 2005 al 38,4% del 2013.
La quota di italiani 15-24enni che si è recato presso uno studio dentistico privato è scesa invece dal 37% del 2005 al 33,5% del 2013, mentre è passata dal 39,5% al 35,7% per i 25-44enni.
Non solo le visite, anche i trattamenti sono diminuiti. La quota di persone che, una volta recatasi dal dentista, ha usufruito di un solo trattamento è aumentata di quasi venti punti percentuali (dal 49,3% del 2005 al 70,7% di otto anni di dopo).

(articolo pubblicato il 6 luglio su Tgcom24)

 

Scrivi una replica

News

Bankitalia: “L’Italia regge il rialzo dei tassi”

“Un eventuale aumento dei rendimenti di mercato, se in linea con il miglioramento della congiuntura, è ampiamente sostenibile dall’economia italiana. La capacità delle famiglie e…

24 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Npl, Nouy: “Bisogna risolvere il problema. Le banche facciano di più”

“Bisogna risolvere il problema degli Npl, in alcune parti del settore bancario vediamo ancora elevati stock di sofferenze. Diverse banche devono fare molto di più”…

24 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Egitto, attentato in una moschea: 115 morti

Strage in una moschea nel nord del Sinai, dove un attacco, condotto piazzando una bomba all’interno del luogo di culto, ha provocato la morte di…

24 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Zimbabwe, Mnangagwa ha prestato giuramento: è il nuovo presidente

Emmerson Mnangagwa è il nuovo presidente dello Zimbabwe. Nato il 15 settembre 1942, ha prestato giuramento oggi, 24 novembre 2017. Prende il posto di Robert…

24 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia