Quanto ci costa andare al mare | T-Mag | il magazine di Tecnè

Quanto ci costa andare al mare

mare_spiaggia_stabilimentiAlcuni vacanzieri italiani avranno qualche difficoltà a mettere in atto i loro propositi. Parte del 36% degli italiani, che – in occasione di un’indagine condotta da Confesercenti e da Swg – aveva confessato l’intenzione di voler spendere meno rispetto all’estate scorsa, dovrà fare i conti con i lievi aumenti dei costi dei servizi balneari registrati dall’Osservatorio Nazionale Federconsumatori (O.N.F).
Quelli rilevati dall’O.N.F. sono incrementi destinati a pesare moderatamente sulle tasche degli italiani, che passeranno le proprie vacanze sulle coste della nostra Penisola. Del resto, spiega Federconsumatori, il calo delle presenze nel settore turistico ha determinato un aumento medio dei costi relativi agli stabilimenti balneari abbastanza contenuto: l’1,2% in più rispetto al 2014.
Pur potendo contare su diverse offerte (sconti famiglie, lettino a tempo…), i vacanzieri italiani dovranno spendere qualcosina in più per sottoscrivere un abbonamento giornaliero o assicurarsi l’utilizzo di una sdraio. Per il primo spenderanno mediamente 25,70 euro contro i 25 euro dello scorso anno; per il secondo, invece, la spesa sarà pari a 4,70 euro contro i 4,50 del 2014 (+3%). Cresce del 2% anche il prezzo medio dell’abbonamento mensile e di quello stagionale – un ombrellone, un lettino e una sdraio –, che costeranno rispettivamente 592 e 1.250 euro contro i 580 e i 1.220 euro dell’estate scorsa. Quando gli italiani, che trascorsero un periodo di vacanza, furono due milioni in meno rispetto a quelli previsti nel corso del 2015.
Stando ad una stima di Confesercenti, infatti, oltre 32 milioni di persone hanno intenzione di andare in vacanza. La maggior parte delle quali sceglierà agosto, che rimane – secondo un’indagine dell’Eurostat, l’ufficio statistico dell’Unione europea – il mese preferito degli italiani, che trascorrono le loro vacanze principalmente nel periodo estivo. Il 32,7% delle notti turistiche dei nostri connazionali si concentrano dal 1° al 31 agosto, il 27,4% a luglio, il 10% a giugno e il 3,8% a settembre. A differenza di quanto accade in altri Paesi dell’Ue, dove le notti turistiche sono meglio distribuite durante l’anno.

(articolo pubblicato l’8 luglio 2015 su Tgcom24)

 

Scrivi una replica

News

Sottomarino scomparso, Marina: “Ci fu un’esplosione”

Il rumore che la Marina militare argentina aveva captato nel corso della giornata di mercoledì 15 novembre, in occasione dell’ultimo contatto con il sottomarino scomparso…

23 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Birmania: “Raggiunto un accordo con il Bangladesh per il rientro di Rohingya”

La Birmania e il Bangladesh hanno firmato un accordo per il rientro di centinaia di migliaia di Rohingya fuggiti dalle violenze dell’esercito nello Stato birmano…

23 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Manovra, Bianconi-Gualdani: “Rifinanziato il bonus bebè per tre anni”

“Siamo molto soddisfatti perché Alternativa popolare ha vinto la sua battaglia sul bonus bebè. Uscito dai radar della legge di Bilancio, invece sarà integralmente rifinanziato…

23 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Elezioni, Salvini: “Chiediamo a Berlusconi e al centrodestra un patto con gli italiani”

“Chiederemo a Silvio Berlusconi e al centrodestra di fare un nuovo patto con gli italiani e chiederemo un impegno formale ai nostri alleati di fare…

23 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia