La spesa per utilizzare uno smartphone | T-Mag | il magazine di Tecnè

La spesa per utilizzare uno smartphone

Secondo facile.it, nel nostro Paese cambiare operatore o piano tariffario consente di risparmiare qualche euro

smartphoneLe previsioni di Gartner (il calo a livello globale delle spedizioni dei dispositivi tecnologici per il 2015) non riguarderanno gli smartphone e i cellulari: il loro sarà l’unico mercato in crescita (+3,3%). A scendere, semmai, sarà la spesa dei consumatori. La maggior parte dei quali opterà per l’acquisto dei dispositivi meno costosi, confermando un’abitudine ormai diffusa anche in Italia.
Stando ai risultati di un’indagine condotta da Demoskopea, nel corso del 2014, nel nostro Paese, le vendite degli smartphone di prezzo compreso tra gli 85 e i 130 euro sono cresciute del 65% rispetto all’anno precedente.
Tuttavia, una volta acquistato, uno smartphone – tra tariffe telefoniche dei vari operatori e traffico internet mobile – prevede un ulteriore costo di gestione, di solito una sorta di canone mensile. Una spesa che, sempre secondo Demoskopea, non supera i 15 euro al mese per il 67% degli italiani. Mentre si aggira attorno ai 10 euro mensili per il 33,2% e non supera gli 8 euro per il 16,6% del campione.
Cambiando operatore telefonico, però, i possessori di un telefonino tradizionale o di un più moderno smartphone possono risparmiare qualche euro. Secondo un’indagine condotta dal portale online facile.it e diffusa recentemente, infatti, gli italiani, che hanno abbandonato il loro vecchio operatore telefonico nel 2014 – circa 14 milioni, pari al 19% degli intestatari di una Sim personale –, si sono garantiti un risparmio annuo del 21,8% rispetto al piano tariffario sottoscritto in precedenza.
Successivamente il risparmio individuale è stato moltiplicato per il numero complessivo di persone che hanno sottoscritto un nuovo piano telefonico. Il risultato è sorprendente: secondo facile.it, il risparmio annuo complessivo è stato pari ad oltre 500 milioni di euro. Una cifra che tocca i 700 milioni di euro, considerando tutti gli italiani che – pur non cambiando operatore – hanno preferito sottoscrivere una nuova tariffa telefonica per il loro cellulare o smartphone, ormai divenuto il dispositivo tecnologico più diffuso nel nostro Paese: il 67% degli italiani ha ammesso di possederne uno, secondo il Rapporto Italia 2015 dell’Eurispes.

(articolo pubblicato il 14 luglio su Tgcom24)

 

Scrivi una replica

News

Bankitalia vede al rialzo le stime di crescita dell’Italia

La Banca d’Italia ha rivisto al rialzo le stime di crescita dell’economia italiana. Nel bollettino economico, Bankitalia ha scritto che il Prodotto interno lordo crescerà…

19 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ue, nel 2017 il 47% delle imprese ha utilizzato almeno un social media

Nel 2017, il 47% delle imprese dell’Unione europea ha usato almeno un social media – blog, siti di condivisione dei contenuti, social network… -, con…

19 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Senato, Mattarella nomina Liliana Segre senatrice a vita

Liliana Segre, sopravvissuta ad Auschwitz, è stata nominata senatrice a vita dal presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ai sensi dell’articolo 59, secondo comma, della Costituzione.…

19 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Gentiloni: “Cooperazione indispensabile per la lotta al terrorismo”

“Non dobbiamo mai dimenticare quanto sia indispensabile la componente della cooperazione allo sviluppo grazie al quale le relazioni con questi paesi possono aiutarci a costruire…

19 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia