Oltre quattro milioni di poveri in Italia | T-Mag | il magazine di Tecnè

Oltre quattro milioni di poveri in Italia

poverta_crisiNel 2014, in Italia, un milione e 470 mila famiglie (5,7% di quelle residenti) vive in condizione di povertà assoluta, per un totale di quattro milioni 102 mila persone (6,8% della popolazione residente). Dopo due anni di aumento, l’incidenza della povertà assoluta si mantiene sostanzialmente stabile. “Considerando l’errore campionario – spiega l’Istat nel report La povertà in Italia -, il calo rispetto al 2013 del numero di famiglie e di individui in condizioni di povertà assoluta (pari al 6,3% e al 7,3% rispettivamente), non è statisticamente significativo (ovvero non può essere considerato diverso da zero)”.
La povertà assoluta – ovvero quella condizione in cui non si riesce a soddisfare appieno il bisogno di beni e servizi considerati essenziali per una determinata famiglia per conseguire uno standard di vita minimamente accettabile – è sostanzialmente stabile anche sul territorio, si attesta al 4,2% al Nord, al 4,8% al Centro e all’8,6% nel Mezzogiorno. Migliora la situazione delle coppie con figli, dice l’Istat: tra quelle che ne hanno due l’incidenza di povertà assoluta passa dall’8,6% al 5,9% e migliora anche la situazione delle famiglie con a capo una persona tra i 45 e i 54 anni (dal 7,4% al 6%). La povertà assoluta diminuisce inoltre tra le famiglie con a capo una persona in cerca di occupazione (dal 23,7% al 16,2%), a seguito del fatto che più spesso, rispetto al 2013, queste famiglie hanno al proprio interno occupati o ritirati dal lavoro.
Nonostante il calo (dal 12,1 al 9,2%), la povertà assoluta rimane quasi doppia nei piccoli comuni del Mezzogiorno rispetto a quella rilevata nelle aree metropolitane della stessa ripartizione (5,8%). Il contrario accade al Nord, dove la povertà assoluta è più elevata nelle aree metropolitane (7,4%) rispetto ai restanti comuni (3,2% tra i grandi, 3,9% tra i piccoli). Tra le famiglie con stranieri la povertà assoluta è più diffusa che nelle famiglie composte solamente da italiani: dal 4,3% di queste ultime (in leggero miglioramento rispetto al 5,1% del 2013) al 12,9% per le famiglie miste fino al 23,4% per quelle composte da soli stranieri. Al Nord e al Centro la povertà tra le famiglie di stranieri è di oltre 6 volte superiore a quella delle famiglie di soli italiani, nel Mezzogiorno è circa tripla.
L’incidenza di povertà assoluta scende all’aumentare del titolo di studio: se la persona di riferimento è almeno diplomata, l’incidenza (3,2%) è quasi un terzo di quella rilevata per chi ha la licenza elementare (8,4%). Inoltre, la povertà assoluta riguarda in misura marginale le famiglie con a capo imprenditori, liberi professionisti o dirigenti (l’incidenza è inferiore al 2%), si mantiene al di sotto della media tra le famiglie di ritirati dal lavoro (4,4%), sale al 9,7% tra le famiglie di operai per raggiungere il valore massimo tra quelle con persona di riferimento in cerca di occupazione (16,2%).
Anche la povertà relativa risulta stabile e coinvolge, nel 2014, il 10,3% delle famiglie e il 12,9% delle persone residenti, per un totale di due milioni 654 mila famiglie e sette milioni 815 mila persone. La povertà relativa, come quella assoluta, risulta stabile pure nelle ripartizioni geografiche e in miglioramento nel caso di famiglie con a capo una persona in cerca di occupazione (l’incidenza della povertà relativa passa dal 32,3% al 23,9%) o residenti nei piccoli comuni del Mezzogiorno (dal 25,8% al 23,7%); in quest’ultimo caso il miglioramento si contrappone al leggero peggioramento registrato nei grandi comuni rispetto all’anno precedente (dal 16,3% al 19,8%).

(fonte: Istat)

 

Scrivi una replica

News

Ema, Gentiloni: “Lavoriamo per assicurarci che l’assegnazione sia avvenuta in modo corretto”

“Regione e governo stanno lavorando per assicurarsi, nelle prossime settimane, che tutto il processo” di assegnazione della sede EMA, l’Agenzia europea per i medicinali, ad…

21 Feb 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Pd, Renzi: “D’Alema ha cercato di distruggerlo dall’interno”

Massimo D’Alema “ha cercato di distruggere” il Partito democratico. Lo ha detto il segretario del PD, Matteo Renzi, intervenendo a Radio Capital, nel corso della…

21 Feb 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Elezioni, Gentiloni: “Altamente improbabile eliminare i flussi migratori”

“Ognuno è libero di dirvi quello che vuole, sopratutto in campagna elettorale. Ma è altissimamente improbabile promettere l’eliminazione di questi flussi migratori”. Lo ha detto…

21 Feb 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Elezioni, Renzi: “Ha ragione Berlusconi: inutile pensare a larghe intese con il Pd”

Il leader di Forza Italia “Silvio Berlusconi in questa fase ha ragione quando dice che è inutile pensare a larghe intese con il Partito democratico”.…

21 Feb 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia