Imprese più solide, migliorano i bilanci nel 2014 | T-Mag | il magazine di Tecnè

Imprese più solide, migliorano i bilanci nel 2014

costruzioni_impreseQualche spiraglio positivo si è osservato anche nel 2014, sebbene alcuni dati, certamente allarmanti, potrebbero far pensare il contrario. In effetti il numero di imprese fallite l’anno scorso è stato particolarmente elevato: 15 mila, ovvero il risultato peggiore da più di dieci anni, in aumento del 10,7% sul 2013.
Eppure nel 2014 sono migliorati i conti delle imprese italiane. Secondo l’Osservatorio Cerved i profitti sono saliti al 6,5% del patrimonio netto, dal 5,7% del 2013, mentre sono diminuiti del 4,5% i debiti finanziari.
Cosa è successo, dunque? Il contesto è ancora debole, l’andamento delle vendite altrettanto e i ricavi sono aumentati solo dell’1% sul 2013. Ma analizzando 133 mila bilanci depositati entro giugno 2015, si è scoperto che le imprese italiane sono riuscite a migliorare la redditività, contenendo i costi e aumentando la produttività.
Perciò, nel complesso, il numero delle aziende che hanno chiuso il bilancio in perdita è sceso nel 2014: 25 società in rosso su 100, in calo dal 27,7% registrato l’anno precedente. Nel 2014, poi, le imprese sono riuscite a incrementare gli indici di redditività netta.
Nel confronto con il periodo pre-crisi, è doveroso comunque osservare, le imprese sono meno redditizie, ma il Cerved afferma anche che le società analizzate presentano debiti più sostenibili. L’anno scorso, infatti, vi è stata una nuova contrazione dei debiti finanziari (-4,5% dopo il -6% dell’anno prima), spingendo gli imprenditori a un maggior ricorso a mezzi propri per finanziare le proprie aziende, con il capitale netto cresciuto del 4,2% rispetto al 2013 portando l’incremento complessivo rispetto ai livelli pre-crisi a +51,3%.
Nel suo insieme, tale situazione è derivata, oltre che dall’aumento della redditività, anche dal minore costo del credito, ora favorito pure dalla politica monetaria espansiva della Banca centrale europea. Anche sul fronte fallimenti si registrano lievi miglioramenti. Secondo i recenti dati raccolti da Cribis D&B, società del gruppo Crif, al mese di giugno risultano 808 casi in meno rispetto allo stesso periodo del 2014. Nei primi sei mesi del 2015 sono fallite in media 53 imprese al giorno, vale a dire più di due imprese ogni ora. Un dato importante, ma comunque in calo rispetto alla crescita costante dal 2009 nel medesimo periodo considerato.

(articolo pubblicato il 21 luglio 2015 su Tgcom24)

 

Scrivi una replica

News

Bankitalia vede al rialzo le stime di crescita dell’Italia

La Banca d’Italia ha rivisto al rialzo le stime di crescita dell’economia italiana. Nel bollettino economico, Bankitalia ha scritto che il Prodotto interno lordo crescerà…

19 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ue, nel 2017 il 47% delle imprese ha utilizzato almeno un social media

Nel 2017, il 47% delle imprese dell’Unione europea ha usato almeno un social media – blog, siti di condivisione dei contenuti, social network… -, con…

19 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Senato, Mattarella nomina Liliana Segre senatrice a vita

Liliana Segre, sopravvissuta ad Auschwitz, è stata nominata senatrice a vita dal presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ai sensi dell’articolo 59, secondo comma, della Costituzione.…

19 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Gentiloni: “Cooperazione indispensabile per la lotta al terrorismo”

“Non dobbiamo mai dimenticare quanto sia indispensabile la componente della cooperazione allo sviluppo grazie al quale le relazioni con questi paesi possono aiutarci a costruire…

19 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia