Giù le vendite verso i Paesi extra-Ue | T-Mag | il magazine di Tecnè

Giù le vendite verso i Paesi extra-Ue

exportSono tre mesi che le esportazioni italiane verso i Paesi al di fuori dell’Unione europea presentano variazioni congiunturali deludenti. Dopo la crescita del 2,1% registrata a marzo, infatti, il dato è sceso nei mesi seguenti, mostrando solo una timida risalita a maggio.
Ad aprile l’indice ha infatti mostrato una contrazione di due punti percentuali, a maggio la lieve inversione di tendenza (+0,4%) e a giugno nuovamente un calo pari al -1,6%. Al contrario, l’ultima rilevazione ha evidenziato un aumento notevole delle importazioni (+5,4%) che ha portato il saldo commerciale a 1,9 miliardi di euro, contro i 2,8 miliardi del mese precedente.
Decisamente migliore la variazione tendenziale che ha interessato le esportazioni (+9,1% dopo il lieve +0,3% di maggio), ma risulta in crescita anche quello delle importazioni )+9,4% dopo il -3,1% tendenziale registrato a maggio. Anche in questo caso il saldo commerciale, sempre in attivo, risulta inferiore a quello del mese precedente: 2,2 miliardi di euro contro 2,8 miliardi.
Come spiega l’Istituto nazionale di statistica il calo congiunturale dell’export è imputabile maggiormente a quello delle vendite di beni di consumo, durevoli e non. Mentre i primi riportano un calo del 5,3% i secondi del 2,7%. Scendono del 3,2% anche i beni strumentali e di un più lieve 0,2% quelli intermedi. Bene, invece, quelli energetici che mettono a segno un +12,3%.
A trainare la crescita delle importazioni sono invece tutte le componenti: gli acquisti di beni strumentali registrano una crescita del 13,5%, l’energia del 6,7%, i beni di consumo durevoli del 4,9%, quelli non durevoli del 4,2%. Crescita più contenuta, pari allo 0,7%, per i beni intermedi.
La crescita tendenziale delle esportazioni (che, come già detto si è attestata al 9,1%) è stata condizionata positivamente soprattutto dalle vendite verso la Turchia, in crescita del 27,1%; verso gli Stati Uniti (+23,4%) e verso il Giappone (+14,8%). Pesa notevolmente ancora l’embargo russo: verso Mosca le esportazioni sono scese di un ulteriore 25,3%.

(articolo pubblicato il 23 luglio 2015 su Tgcom24)

 

Scrivi una replica

News

La vendemmia del 2017 sarà fra le più scarse del dopo guerra, in calo del 25%

La vendemmia del 2017 sarà fra le più scarse del dopoguerra, con un calo del 25% rispetto al 2015. Mentre l’export vinicolo aumenta del 6,3%.…

23 Ago 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Quantitative easing, Draghi: “Ampie ricerche dimostrano il suo successo”

“Ampie ricerche empiriche hanno affermato il successo di queste politiche nel supportare l’economia e l’inflazione, sia nell’Eurozona, sia negli Usa”. Lo ha detto il presidente…

23 Ago 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Germania, indice Pmi manifattura in crescita a 59,4 punti

Sale a 59,4 punti dai 58,1 di luglio l’indice Pmi manifatturiero della Germania nel mese di agosto. Il dato è superiore alle attese che prevedevano…

23 Ago 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Eurozona, indice Pmi manifattura in aumento a 57,4 punti

Cresce l’indice Pmi manifatturiero dell’Eurozona, che ha registrato un aumento a 57,4 punti nel mese di agosto, contro i 56,3 punti precedentemente stimati.…

23 Ago 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia