Giù le vendite verso i Paesi extra-Ue | T-Mag | il magazine di Tecnè

Giù le vendite verso i Paesi extra-Ue

exportSono tre mesi che le esportazioni italiane verso i Paesi al di fuori dell’Unione europea presentano variazioni congiunturali deludenti. Dopo la crescita del 2,1% registrata a marzo, infatti, il dato è sceso nei mesi seguenti, mostrando solo una timida risalita a maggio.
Ad aprile l’indice ha infatti mostrato una contrazione di due punti percentuali, a maggio la lieve inversione di tendenza (+0,4%) e a giugno nuovamente un calo pari al -1,6%. Al contrario, l’ultima rilevazione ha evidenziato un aumento notevole delle importazioni (+5,4%) che ha portato il saldo commerciale a 1,9 miliardi di euro, contro i 2,8 miliardi del mese precedente.
Decisamente migliore la variazione tendenziale che ha interessato le esportazioni (+9,1% dopo il lieve +0,3% di maggio), ma risulta in crescita anche quello delle importazioni )+9,4% dopo il -3,1% tendenziale registrato a maggio. Anche in questo caso il saldo commerciale, sempre in attivo, risulta inferiore a quello del mese precedente: 2,2 miliardi di euro contro 2,8 miliardi.
Come spiega l’Istituto nazionale di statistica il calo congiunturale dell’export è imputabile maggiormente a quello delle vendite di beni di consumo, durevoli e non. Mentre i primi riportano un calo del 5,3% i secondi del 2,7%. Scendono del 3,2% anche i beni strumentali e di un più lieve 0,2% quelli intermedi. Bene, invece, quelli energetici che mettono a segno un +12,3%.
A trainare la crescita delle importazioni sono invece tutte le componenti: gli acquisti di beni strumentali registrano una crescita del 13,5%, l’energia del 6,7%, i beni di consumo durevoli del 4,9%, quelli non durevoli del 4,2%. Crescita più contenuta, pari allo 0,7%, per i beni intermedi.
La crescita tendenziale delle esportazioni (che, come già detto si è attestata al 9,1%) è stata condizionata positivamente soprattutto dalle vendite verso la Turchia, in crescita del 27,1%; verso gli Stati Uniti (+23,4%) e verso il Giappone (+14,8%). Pesa notevolmente ancora l’embargo russo: verso Mosca le esportazioni sono scese di un ulteriore 25,3%.

(articolo pubblicato il 23 luglio 2015 su Tgcom24)

 

Scrivi una replica

News

Elezioni, CsC: “Saranno un test molto rilevante”

“Le prossime elezioni politiche si presentano come un test molto rilevante e disegnano per il Paese una biforcazione tra il proseguire il lungo cammino delle…

13 Dic 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Brexit, Barnier: “Non accettiamo passi indietro dal Regno Unito”

L’Unione europea non accetterà passi indietro da Londra, nel negoziato sulla Brexit. “Non accetteremo alcun passo indietro rispetto alla dichiarazione congiunta” siglata venerdì scorso dal…

13 Dic 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Eurozona, Eurostat: “Nel terzo trimestre nuovo record di occupati”

Nel terzo trimestre 2017, l’occupazione nell’Eurozona è cresciuta dello 0,4%. Lo rende noto l’Eurostat, l’Ufficio statistico dell’Unione europea, sottolineando che il numero degli occupati ha…

13 Dic 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Russia, il 61% degli elettori dichiara che voterà per Putin alle elezioni

Il 61% degli elettori russi ha ammesso che voterà per Vladimir Putin alle prossime elezioni presidenziali, in programma il 18 marzo 2018. Lo rende noto…

13 Dic 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia