Si aggrava la recessione del Brasile | T-Mag | il magazine di Tecnè

Si aggrava la recessione del Brasile

brasileLa recessione del Brasile si aggrava. Nel terzo trimestre il Pil, rispetto ai tre mesi precedenti, è infatti sceso più di quanto atteso dagli analisti registrando anche il dato annuale peggiore dal 1996. Con i risultati recenti, il Brasile appare come il ritratto di quanto sta accadendo a quelli che fino ad oggi venivano considerati tra i maggiori paesi emergenti: i Bric.
Andiamo con ordine: gli ultimi dati diffusi indicano un calo dell’1,7% per il Pil brasiliano rispetto ai tre mesi precedenti ed un calo del 4,5% rispetto allo stesso trimestre del 2014, appunto il peggior risultato dal 1996. Non solo, l’Ibge ha anche rivisto al ribasso il dato del secondo trimestre, portandolo al -3% dal -2,6% avanzato in precedenza. Gli altri dati macroeconomici mostrano, sempre per il periodo luglio-settembre sul precedente, investimenti in calo del 4% e un -1,5% per i consumi delle famiglie.
Per niente incoraggianti anche le stime finali per l’anno in corso e per il prossimo: secondo le attese il 2015 si chiuderà con una contrazione del Pil pari al 3,19%, mentre per il 2016 gli analisti avanzano un -2,04%. Nei due anni l’inflazione dovrebbe attestarsi rispettivamente al +10,38% e al +6,64%.
Dati diversi ma comunque preoccupanti giungono poi da Pechino. Nel terzo trimestre, ovvero quello maggiormente interessato dalla svalutazione della moneta di stato – lo yuan – e dalla seguente bolla in borsa, il prodotto interno lordo cinese ha messo a segno al +6,9%, una crescita invidiabile ma che evidenzia come il gigante asiatico abbia rallentato rispetto agli anni precedenti, quando la crescita annua era al di sopra del 7,5%.
Ben peggiori i dati diffusi dall’Istituto di statistica di Mosca. Nel periodo luglio-settembre 2015 il Pil russo è infatti sceso del 4,1% rispetto al terzo trimestre del 2014, rallentando lievemente la caduta del 4,6% registrata nel secondo periodo dell’anno. Per il 2015 il Cremlino stima un -3,9%, un -0,6% per il 2016 e un’inversione di tendenza per il 2017: +1,5%.
L’unico Paese dei Bric a non mostrare segni di debolezza è l’India che, nel periodo preso finora in considerazione, ha registrato una crescita del 7,4%, accelerando rispetto al +7% del trimestre precedente.

 

Scrivi una replica

News

Beirut: “Saltato il contratto per il gas con Mosca”

“Eravamo praticamente sul punto di firmare il nostro primo contratto per lo sviluppo di giacimenti di gas grazie alla partecipazione di compagnie russe: ora stiamo…

17 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Usa: “In Europa c’è un alto rischio di attacchi dell’Isis”

“Gli incidenti in Francia, Russia, Svezia, Gran Bretagna, Spagna e Finlandia dimostrano che l’Isis e i suoi affiliati hanno la capacità di pianificare e compiere…

17 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Brexit, May: “Sono fiduciosa che si possa passare alla seconda fase”

“Sono fiduciosa che il mese prossimo i leader Ue possano dare il via libera alla seconda fase dei negoziati sulla Brexit”. Lo ha detto Theresa…

17 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Brexit, Davis: “Offerto compromesso all’Ue”

“La Gran Bretagna ha offerto alcuni compromessi creativi in sede di negoziato sulla Brexit ma non sempre ha trovato disponibilità da parte dell’Ue”. Lo ha…

17 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia