Si aggrava la recessione del Brasile | T-Mag | il magazine di Tecnè

Si aggrava la recessione del Brasile

brasileLa recessione del Brasile si aggrava. Nel terzo trimestre il Pil, rispetto ai tre mesi precedenti, è infatti sceso più di quanto atteso dagli analisti registrando anche il dato annuale peggiore dal 1996. Con i risultati recenti, il Brasile appare come il ritratto di quanto sta accadendo a quelli che fino ad oggi venivano considerati tra i maggiori paesi emergenti: i Bric.
Andiamo con ordine: gli ultimi dati diffusi indicano un calo dell’1,7% per il Pil brasiliano rispetto ai tre mesi precedenti ed un calo del 4,5% rispetto allo stesso trimestre del 2014, appunto il peggior risultato dal 1996. Non solo, l’Ibge ha anche rivisto al ribasso il dato del secondo trimestre, portandolo al -3% dal -2,6% avanzato in precedenza. Gli altri dati macroeconomici mostrano, sempre per il periodo luglio-settembre sul precedente, investimenti in calo del 4% e un -1,5% per i consumi delle famiglie.
Per niente incoraggianti anche le stime finali per l’anno in corso e per il prossimo: secondo le attese il 2015 si chiuderà con una contrazione del Pil pari al 3,19%, mentre per il 2016 gli analisti avanzano un -2,04%. Nei due anni l’inflazione dovrebbe attestarsi rispettivamente al +10,38% e al +6,64%.
Dati diversi ma comunque preoccupanti giungono poi da Pechino. Nel terzo trimestre, ovvero quello maggiormente interessato dalla svalutazione della moneta di stato – lo yuan – e dalla seguente bolla in borsa, il prodotto interno lordo cinese ha messo a segno al +6,9%, una crescita invidiabile ma che evidenzia come il gigante asiatico abbia rallentato rispetto agli anni precedenti, quando la crescita annua era al di sopra del 7,5%.
Ben peggiori i dati diffusi dall’Istituto di statistica di Mosca. Nel periodo luglio-settembre 2015 il Pil russo è infatti sceso del 4,1% rispetto al terzo trimestre del 2014, rallentando lievemente la caduta del 4,6% registrata nel secondo periodo dell’anno. Per il 2015 il Cremlino stima un -3,9%, un -0,6% per il 2016 e un’inversione di tendenza per il 2017: +1,5%.
L’unico Paese dei Bric a non mostrare segni di debolezza è l’India che, nel periodo preso finora in considerazione, ha registrato una crescita del 7,4%, accelerando rispetto al +7% del trimestre precedente.

 

Scrivi una replica

News

Confcommercio, lanciata la previsione mensile del Pil: a gennaio +0,1%

Il Centro Studi della Confcommercio lancia per la prima volta la stima del Pil mensile. Nel mese di gennaio l’indicatore ha stimati una crescita dello…

16 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Gentiloni: “I reati sono diminuiti grazie all’impegno delle forze dell’ordine”

“Sono diminuiti i reati grazie all’impegno straordinario delle forze dell’ordine”. Così il premier, Paolo Gentiloni, nel corso della cerimonia di avvicendamento al Comando generale dell’Arma…

16 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Commercio, Xi a Trump: “Apriamo di più i nostri mercati”

Gli Stati Uniti e la Cina devono aprire di più i rispettivi mercati. Così il presidente della Repubblica popolare cinese, Xi Jinping, nel corso di…

16 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Migranti, Juncker: “I ricollocamenti stanno funzionando”

“I ricollocamenti” dei migranti “funzionano”. Lo ha detto il presidente della Commissione europea, Jean Claude Juncker, intervenendo alla plenaria a Strasburgo. “Più del 95% delle…

16 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia