Giù il numero delle chiusure aziendali | T-Mag | il magazine di Tecnè

Giù il numero delle chiusure aziendali

imprese_chiuseLe conferme arrivano dal tessuto imprenditoriale: la ripresa è fragile, ma qualcosa si muove. In meglio. Il 2015, infatti, si sta per chiudere sulla scia di quanto osservato già nel 2014, con un calo delle chiusure aziendali registrato ancora nel terzo trimestre dell’anno. E spunti interessanti, seppur timidi, giungono dal settore delle costruzioni, tra i più colpiti negli anni della crisi in Italia e in Europa.
Il Cerved ha recentemente rilevato che tra luglio e settembre oltre 15 mila imprese hanno chiuso i battenti, non poche, ma comunque circa il 10% in meno dello stesso periodo del 2014. Il miglioramento, si spiega, dipende soprattutto dal forte calo delle liquidazioni volontarie, a conferma di un rinnovato ottimismo tra gli imprenditori italiani.
Tuttavia si registra anche un lieve aumento dei fallimenti, nell’ultimo periodo. Nello specifico dello 0,7% nel terzo trimestre 2015, ma più in generale i primi nove mesi dell’anno hanno fatto segnare una contrazione del 4,5%. Nei tre mesi – al 30 settembre – le procedure fallimentari risultano essere in calo nell’industria (-8,2%) e nelle costruzioni (-3%) mentre sono invece cresciute nel settore dei servizi (+4%).
Nel frattempo le imprese edili cominciano a tirare un sospiro di sollievo, nonostante le difficoltà ancora evidenti riscontrate nel 2015. Come si diceva all’inizio, quello delle costruzioni è stato tra i settori di attività economica più colpiti dall’urto della crisi economica, con una perdita in termini occupazionali di 502 mila posti di lavoro (-25,3%) che aumenta a 780 mila tra indotto e settori ad esso collegati.
Nel secondo trimestre 2015, però, l’Ance (Associazione nazionale costruttori edili) ha osservato una risalita dell’occupazione, pari a una crescita del 2,3% su base annua (dopo 19 trimestri consecutivi di cali tendenziali). La ripartenza è sostenuta anche dal mercato immobiliare, che tra il 2014 e il 2015 ha visto dei netti miglioramenti rispetto al recente passato. Una condizione necessaria per rilanciare l’intero comparto, dalla ripresa degli investimenti al conseguente incremento di nuova occupazione. Per il 2016 l’Ance prevede un aumento delle compravendite del 13,5%, quando dovrebbe attestarsi sul +5,3% quest’anno.
Questo processo, insieme alle misure del governo che si spera avranno un peso fondamentale per la ripresa del settore, dovrebbe perciò innescare meccanismi virtuosi, tanto che, dopo otto anni di cali, gli investimenti nel settore delle costruzioni dovrebbero tornare a crescere nel 2016, in termini reali, dell’1% (dopo la riduzione dell’1,3% prevista per il 2015).

 

Scrivi una replica

News

Unione petrolifera: “Consumi in calo nel 2017 dell’1,6%”

“Nel 2017 i consumi petroliferi sono stati pari a 58,5 milioni di tonnellate, con un decremento dell’1,6% (-932.000 tonnellate) rispetto allo stesso periodo del 2016.…

18 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Stati Uniti, sussidi disoccupazione ai minimi dal 1973

Sono calate di 41.000 unità le richieste di sussidi alla disoccupazione negli Stati Uniti la scorsa settimana, toccando quota 220.000 e segnando i minimi dal…

18 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ue: “Iva, meno burocrazia per le pmi”

“Più flessibilità e norme comuni sull’Iva per gli Stati, agevolazioni e meno burocrazia per le pmi”. È questa l’ultima misura avanzata dalla Commissione Ue nel…

18 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Banche, Commissione europea: “In Italia ottimi progressi sugli Npl”

Tra i Paesi dell’Unione europea, l’Italia è tra quelli che hanno ottenuto i risultati migliori nella riduzione della propria quota di Npl, i crediti deteriorati.…

18 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia