110 i giornalisti morti nel 2015 | T-Mag | il magazine di Tecnè

110 i giornalisti morti nel 2015

giornalisti_guerraSecondo quanto emerso dal Rapporto dell’Organizzazione Reporters senza frontiere, i giornalisti morti nel 2015 sono 110, molti di essi non hanno perso la vita in zone di guerra, come successe nel 2014 dove ben due terzi dei decessi di registrarono in zone in cui erano in corso conflitti. Dei 110 giornalisti uccisi, 67 hanno perso la vita mentre svolgevano il loro lavoro mentre 43 giornalisti sono morti in circostanze non del tutto chiare. In più si contano anche 27 vittime di giornalisti non professionisti, i cosiddetti “citizen journalist”, e la perdita di sette tecnici tra cameraman, fonici e altri tipi di tecnici. Cresce la responsabilità dei “gruppi non statali”, a partire dall’Isis, nelle atrocità commesse a scapito dei giornalisti.
I Paesi più a rischio, secondo il Rapporto, sono ad oggi l’Iraq (con 11 morti nel 2015), la Siria (con 10 morti) e lo Yemen (anche in questo caso con 10 vittime) dove è in corso una guerra civile tra sunniti sostenuti da Riad e ribelli sciiti Houthi sostenuti dall’Iran.
Nel 2015 si contano poi i morti dell’attacco alla redazione di Charlie Hebdo a Parigi, dove vennero uccisi ben otto giornalisti. Tra i Paesi più pericolosi compare poi il Messico dove i giornalisti a perdere la vita sono stati otto.
Dato importante anche quello di reporter rapiti e tenuti in ostaggio: sono stati 54 nel 2015 mentre sono si sono registrati oltre 150 giornalisti arrestati solo per aver svolto il loro lavoro. Tra i rapiti 26 sono tenuti in ostaggio in Siria, 13 nello Yemen, dieci in Iraq e cinque in Libia. Tra i reporter in prigione la maggioranza sono in Cina, con attualmente 23 giornalisti detenuti.

 

Scrivi una replica

News

Medio Oriente, Pence: “Ambasciata Stati Uniti a Gerusalemme entro il 2019”

L’ambasciata statunitense sarà trasferita da Tel Aviv a Gerusalemme entro il 2019. Lo ha annunciato il vice presidente degli Stati Uniti, Mike Pence, durante un…

22 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Conti pubblici, Berlusconi: “Rispetteremo la regola del 3%”

“La regola del 3% può essere discutibile, ma intendiamo rispettarla”. Lo ha detto il leader di Forza Italia, Silvio Berlusconi, intervenendo nel corso della sua…

22 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Il Fmi ha alzato le stime di crescita per l’Italia per il 2017 e il 2018

Il Fondo monetario internazionale ha alzato le stime sulla crescita dell’Italia. Nell’aggiornamento del suo World Economic Outlook – il rapporto è stato presentato a margine…

22 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Maroni: “Ci sono opinioni diverse ma la Lega non è divisa”

“La Lega non è divisa, ci sono opinioni diverse e questa è la ricchezza del partito”. Così il presidente della Regione Lombardia, Roberto Maroni, parlando…

22 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia