Consumi in risalita, ma la ripresa è ancora fragile | T-Mag | il magazine di Tecnè

Consumi in risalita, ma la ripresa è ancora fragile

consumi-Consumi in crescita nel 2015, secondo Confcommercio, il cui specifico indicatore registra una crescita dell’1,6% nell’arco dell’anno, la prima dal 2007 (ancora nel 2014 si era evidenziata una flessione dello 0,5%). Eppure, avverte proprio Confcommercio, questi dati, seppur positivi, “si inseriscono in un contesto generale caratterizzato da una ripresa che presenta ancora elementi di fragilità”.
Analizzando gli ultimi dati Istat, in effetti, si osserva il moderato aumento del clima di fiducia dei consumatori a gennaio, dato in controtendenza rispetto al calo diffuso nell’Eurozona. Ciò deriva anche da alcune dinamiche positive registrate nel 2015.
Ad esempio nel terzo trimestre del 2015 il potere di acquisto delle famiglie è cresciuto dell’1,4% rispetto al periodo precedente. A crescere, poi, è stata anche la propensione al risparmio (+0,9%), per via dell’incremento registrato nel reddito disponibile delle famiglie consumatrici. Ma la propensione al risparmio è aumentata ad un ritmo più elevato rispetto ai consumi, comunque in risalita anch’essi.
Nel mese di novembre 2015 il volume delle vendite al dettaglio è cresciuto dello 0,3%, trainato dalla crescita dei prodotti alimentari (+0,8%): elemento, quest’ultimo, che fa ipotizzare per l’ultimo trimestre del 2015 una conferma relativa al miglioramento dei consumi delle famiglie, favorito dall’attuale fase di bassa inflazione.
Un trend che sta ancora proseguendo. Come ricorda l’Istat, “a inizio anno l’inflazione al consumo ha segnato una ripresa, attestandosi comunque su ritmi molto contenuti, condizionati dal quadro deflativo internazionale”. Dunque le prospettive economiche delle famiglie, ora più ottimistiche rispetto al recente passato, derivano dalla crescita del reddito disponibile, visto il contributo al ribasso dell’andamento generale dei prezzi.
I timori di un ritorno alla deflazione nell’Eurozona (e in Italia), però, frenano la ripresa piena della domanda (l’abbassamento dei prezzi, infatti, incentiva l’accumulo di liquidità nell’attesa che i prezzi scendano ancora). Confcommercio ritiene, a tale proposito, che la crisi degli ultimi anni non si sia tradotta esclusivamente in un calo dei consumi, “ma anche in una erosione del risparmio cautelativo e in una sensibile riduzione della tradizionale forma di investimento delle famiglie (acquisto di abitazioni)”. Motivo che spingerebbe le famiglie a cercare forme di riequilibrio tra consumi, risparmio e investimenti, con i primi – suggerisce Confcommercio – che potranno tornare a crescere a ritmi più sostenuti nei prossimi mesi.

 

Scrivi una replica

News

Ocse: “In Italia i titoli di studio non sono veritieri”

“In Italia i titoli di studio e le qualifiche danno un’indicazione molto debole delle reali competenze e abilità degli studenti e dei lavoratori che li…

15 Dic 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Germania, Schulz: “Ad inizio gennaio al via i colloqui con Spd e Cdu”

I colloqui tra Spd e Cdu, per la formazione di un nuovo governo, inizieranno “all’inizio di gennaio”. Lo ha detto il leader dei socialdemocratici tedeschi,…

15 Dic 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Istat: “Nel 2016 tra gli italiani laureati andati all’estero uno su tre è tornato in Italia”

“Nel 2016 circa 16 mila laureati italiani tra i 25 e i 39 anni hanno lasciato il Paese e poco più di 5 mila sono…

15 Dic 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Bankitalia ha alzato le stime di crescita dell’economia italiana per il 2017-2018

Nel 2017 il Prodotto interno lordo italiano crescerà dell’1,6%. Lo prevede la Banca d’Italia, che ha alzato le stime di crescita dell’economia sia per quest’anno…

15 Dic 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia