I numeri delle Agromafie in Italia | T-Mag | il magazine di Tecnè

I numeri delle Agromafie in Italia

Agroalimentare-2Sono ben 26.200 i terreni che in Italia sono in mano ad individui condannati in via definitiva per reati come l’associazione a delinquere di stampo mafioso o la contraffazione.
Un numero elevatissimo – spiega la Coldiretti nel Rapporto Agromafie, realizzato in collaborazione con Eurispes e Osservatorio sulla criminalità nell’agricoltura e sul sistema agroalimentare – reso possibile dalle difficoltà italiane legate ai tempi e alla confusione che girano intorno alle procedure di confisca e riassegnazione.
La quota maggiore di questi terreni si trova nel Sud d’Italia, con in testa la Sicilia (il 53,5%) e a seguire Calabria (con il 17,6%), Puglia (9,5%) e Campania (8%). Quote inferiori di terreni confiscati sono state registrate invece in Sardegna, con il 2,3%; in Lombardia, 1,6%; Basilicata, 1,5%; e in Piemonte (1,3%), mentre tutte le altre regioni si piazzano sotto l’1%.
Ma questo è solo uno degli scenari che emergono dal Rapporto. Secondo l’analisi, le associazioni mafiose e camorristiche – attraverso le truffe, le estorsioni, il riciclaggio, l’usura, la contraffazione, la minaccia, la violenza e l’appropriazione indebita di attrezzatura e mezzi agricoli – gestiscono un vero e proprio business che ha generato nel solo 2015 ben 16 miliardi di euro, danneggiando gravemente non solo la concorrenza onesta e il libero mercato legale, ma anche l’immagine del Made in Italy stesso, mettendo sul mercato prodotti – in molti casi – di bassa qualità. Sostanzialmente le Agromafie sottraggono all’agroalimentare italiano una cifra compresa tra i 20 ed i 25 miliardi di euro l’anno.

 

Scrivi una replica

News

Eurozona, a giugno indice Pmi in aumento rispetto al mese precedente

A giugno attività economica dell’Eurozona in crescita, trainata dai servizi. Lo sostiene il sondaggio Pmi curato da IHS Markit. L’indice preliminare composito – che unisce…

22 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Dazi, Boccia (Confindustria): «Fanno del male all’Italia e all’Europa»

«Siamo un Paese ad alta vocazione di export e quindi i dazi fanno del male all’Italia e all’Europa. Ecco perché su questo aspetto dobbiamo essere…

22 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Francia, nel primo trimestre il Pil rallenta a +0,2%

Nel primo trimestre 2018, il Prodotto interno lordo della Francia è cresciuto dello 0,2%, in rallentamento rispetto al trimestre precedente (+0,7%). Lo rende noto l’INSSE,…

22 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Di Maio: «Spero che settimana prossima possa partire il decreto dignità»

«Spero che la settimana prossima possa partite il decreto dignità». Lo ha affermato Luigi Di Maio arrivando al congresso Uil. «La norma eliminerà la burocrazia…

22 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia