Il 41,6% dei disoccupati diventa inattivo | T-Mag | il magazine di Tecnè

Il 41,6% dei disoccupati diventa inattivo

lavoro_crisi_disoccupazioneOltre quattro disoccupati italiani su dieci, tra il secondo e terzo trimestre del 2015, sono entrati a far parte degli inattivi (ovvero quegli individui che non hanno un lavoro né tantomeno lo cercano), registrando il dato peggiore d’Europa.
Secondo uno studio dell’Eurostat, infatti, mentre la quota di persone che hanno effettuato questo passaggio in Italia si attesta al 41,6%, nell’Unione europeo il dato si ferma ad appena il 19,4%.
E mentre il dato italiano dei “rinunciatari” risulta più elevato rispetto alla media europea, è più basso quello relativo ai disoccupati che trovano lavoro: sempre nello stesso periodo gli italiani che sono passati dalla categoria dei disoccupati a quella degli occupati sono il 14,3% del totale degli individui in cerca di un’occupazione, contro il 17,9% rilevato in Europa. Di contro nel nostro Paese rimane disoccupato il 44,2% (contro il 62,7% dell’Ue), con un conseguente aumento di inattivi (appunto al 41,6%).
In effetti, guardando alle serie storiche dell’Istat – relative all’andamento di disoccupati, occupati e inattivi – si nota che in molti mesi del 2015 ad un calo delle persone in cerca di lavoro non coincideva un aumento netto degli occupati, bensì un aumento degli inattivi: a marzo 2015 per esempio (il mese con la variazione negativa del numero dei disoccupati più marcata) mentre il numero delle persone in cerca di lavoro è sceso del 6,1%, gli occupati sono diminuiti dell’1,4% con un conseguente aumento degli inattivi dell’1,5%. Stessa dinamica, anche se con valori di minor entità, si è verificata a settembre (-2,4% dei disoccupati, -0,1% degli occupati e +0,4% degli inattivi), a ottobre (rispettivamente -2,2%, -0,5% e +0,6%) e a dicembre (-1,4%, -0,1% e +0,2%).
Tornando allo studio dell’Eurostat, dopo l’Italia – nella graduatoria per il numero maggiore di disoccupati diventati in attivi – troviamo sul podio la Finlandia, con il 34%, e la Lettonia, con il 28,9%, mentre al capo opposto la Grecia, con il 0,4% (ma con il 93,6% dei disoccupati che rimangono tali), la Slovacchia, con il 2,2% (ma con l’87,6% dei disoccupati rimasti nella stessa categoria tra secondo e terzo trimestre) e la Lituania, con il 5,3%.

 

Scrivi una replica

News

Siria, Putin: “Abbiamo sconfitto il gruppo terrorista più combattivo”

“Negli ultimi due anni, le forze armate russe e l’esercito siriano hanno sconfitto il gruppo più combattivo dei terroristi internazionali”. Lo ha detto il presidente…

11 Dic 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Mezzogiorno, Gentiloni: “Abbiamo condizioni per investire e creare lavoro”

“Abbiamo condizioni per investire e creare lavoro a Sud”. Lo ha detto il presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni, intervenendo al convegno promosso dal quotidiano Il…

11 Dic 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Pedopornografia, Unicef: il 53% delle vittime ha dieci anni o meno

Secondo il rapporto annuale dell’Unicef La Condizione dell’Infanzia nel Mondo 2017: Figli dell’era digitale, nonostante la massiccia presenza di bambini online (1 utente di internet…

11 Dic 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Gerusalemme, Netanyahu: “È la capitale, i palestinesi lo riconoscano”

“Gerusalemme è stata la capitale di Israele per gli ultimi sett’antanni. Quanto il presidente Trump ha fatto, è mettere i fatti sul tavolo – così…

11 Dic 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia