Start up, investimenti in crescita | T-Mag | il magazine di Tecnè

Start up, investimenti in crescita

start_up_grandeNei giorni scorsi il ministro dello Sviluppo economico Federica Guidi ha firmato un decreto che consente di costituire una start up senza ricorrere al notaio. L’iter per farne nascere una sarà dunque più breve. A beneficiarne sarà probabilmente il tessuto imprenditoriale italiano, che potrebbe arricchirsi di un numero maggiore di start up innovative rispetto a quelle già iscritte alla sezione speciale del Registro delle imprese e che, secondo i dati del ministero dello Sviluppo economico aggiornati al 31 dicembre 2015, sono 5.143 (439 unità in più rispetto alla fine di settembre).
Un numero maggiore di start up si traduce inevitabilmente in un aumento dei posti di lavoro – alla fine di settembre 2015, le start-up con dipendenti (1.939 unità) impiegavano 5.351 persone: 460 unità in più rispetto alla fine di marzo (+9,4%) – e auspicabilmente in un incremento degli investimenti.
In tal senso, le stime degli Osservatori Digital Innovation della School of Management del Politecnico di Milano e di Italia StartUp ne certificano una crescita già per il 2015, quando gli investimenti complessivi dovrebbero raggiungere i 133 milioni di euro (+11% rispetto al 2014). Per quanto positivi, questi incrementi – nel 2015 sono cresciute tanto le start up attive in Italia quanto gli investimenti che hanno attirato – vanno accolti senza troppo entusiasmo: il gap con i principali Paesi europei è ancora notevole.
Anche in Europa, le start up offrono il loro contributo all’economia. Secondo i dati aggiornati al 2014, le start up europee sono oltre seicentomila (startuphubs.eu ne ha contate 636.964 unità) e nonostante le dimensioni generalmente molto piccole (oltre 500 mila start up impiegano da uno a quattro dipendenti) catalizzano una quantità notevole di investimenti, che nel 2014 hanno toccato i 6,6 miliardi di euro (in crescita rispetto ai 2,4 miliardi del 2014), e nel complesso danno lavoro ad oltre tre milioni di persone.

 

Scrivi una replica

News

Eurozona, a giugno indice Pmi in aumento rispetto al mese precedente

A giugno attività economica dell’Eurozona in crescita, trainata dai servizi. Lo sostiene il sondaggio Pmi curato da IHS Markit. L’indice preliminare composito – che unisce…

22 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Dazi, Boccia (Confindustria): «Fanno del male all’Italia e all’Europa»

«Siamo un Paese ad alta vocazione di export e quindi i dazi fanno del male all’Italia e all’Europa. Ecco perché su questo aspetto dobbiamo essere…

22 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Francia, nel primo trimestre il Pil rallenta a +0,2%

Nel primo trimestre 2018, il Prodotto interno lordo della Francia è cresciuto dello 0,2%, in rallentamento rispetto al trimestre precedente (+0,7%). Lo rende noto l’INSSE,…

22 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Di Maio: «Spero che settimana prossima possa partire il decreto dignità»

«Spero che la settimana prossima possa partite il decreto dignità». Lo ha affermato Luigi Di Maio arrivando al congresso Uil. «La norma eliminerà la burocrazia…

22 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia