Il peso dell’embargo russo sull’export | T-Mag | il magazine di Tecnè

Il peso dell’embargo russo sull’export

export2Che le sanzioni imposte dalla comunità internazionale alla Russia in seguito alla gestione della crisi ucraina e il successivo embargo – imposto da Mosca a quei Paesi che, come l’Italia, hanno preso parte alle sanzioni – abbiano avuto un impatto notevole sul nostro export non è una novità.
Solo a gennaio, infatti, le esportazioni italiane verso la Russia sono scese del 24% rispetto allo stesso mese dello scorso anno. Nell’intero 2015, stando alle note storiche dell’Istat il dato ha invece presentato un -16,7%. In termini assoluti, il valore delle nostre vendite verso Mosca è sceso di 3,7 miliardi rispetto al 2013 (anno precedente all’entrata in vigore delle sanzioni e dell’embargo) attestandosi a 7,1 miliardi di euro.
Stando alle cifre diffuse dalla Coldiretti l’embargo russo sui prodotti del Made in Italy sarebbe costato, nel 2015, solo al settore dell’agroalimentare circa 240 milioni di euro. Le variazioni percentuali mostrano infatti un calo del 73,1% per i prodotti agricoli e un -33,9% per quelli alimentari.
Altre diminuzioni consistenti hanno riguardato i prodotti tessili, l’abbigliamento e gli accessori, -30,8%; il comparto dei mobili, -27%; e quello delle automobili, -60,3%.
Di fatto, il calo delle importazioni russe di prodotti italiani ha fatto sì che il nostro Paese perdesse rilevanza anche come partner commerciale. Mentre nel 2013 eravamo all’ottavo posto tra i principali partner russi, oggi siamo all’undicesimo.
Segnali vagamente positivi giungono però dalle stime riguardanti la crescita russa. Mentre il Prodotto interno lordo del Paese è sceso del 2,2% nel 2014 e del 4% nel 2015, durante l’anno in corso si potrebbe finalmente assistere ad un ridimensionamento della caduta: per il 2016 la Banca mondiale stima un -0,7%.

 

Scrivi una replica

News

Musica: morto il violinista jazz Didier Lockwood

Il violinista jazz francese Didier Lockwood è morto a 62 anni in seguito ad una crisi cardiaca.…

19 Feb 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Fitch ha alzato il rating della Grecia da B- a B

L’agenzia di rating Fitch ha alzato il rating della Grecia da B- a B con outlook positivo…

19 Feb 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

BCE: arrestato per corruzione Ilmars Rimsevics, governatore Banca centrale lettone

Ilmars Rimsevics, governatore della banca centrale della Lettonia e membro del consiglio direttivo della Banca centrale europea, è stato arrestato dall’ufficio anti-corruzione lettone. È quanto…

19 Feb 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Titoli di Stato: spread Btp/Bund a 127 punti

All’avvio dei mercati finanziari lo spread tra Btp e Bund si è attestato a quota 127 punti.…

19 Feb 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia