La disoccupazione giovanile e di genere in Europa | T-Mag | il magazine di Tecnè

La disoccupazione giovanile e di genere in Europa

di Fabio Germani

disoccupazioneI dati sulla disoccupazione dell’Istat consegnano, come avvenuto spesso negli ultimi mesi, sia luci che ombre. Il dato positivo è che a gennaio 2016 gli occupati sono aumentati di 70 mila unità (+0,3%) rispetto all’ultimo mese del 2015, tornando al livello di agosto. Tuttavia, da agosto, il tasso di disoccupazione è stabile all’11,5%, sintesi di un calo tra gli uomini e di un aumento tra le donne.
Donne e giovani, appunto, continuano ad essere le categorie più svantaggiate all’interno del mercato del lavoro. Un aspetto non trascurabile – al netto della diminuzione del numero di persone inattive – è la variazione tendenziale dell’occupazione (+299 mila unità). Ma la quota maggiore di incremento giunge dalla fascia over 50, che da sola ha registrato un aumento di 359 mila unità, mentre gli occupati risultano essere in diminuzione di 69 mila tra i 35-49enni, in aumento di 16 mila nella fascia 25-34 anni e in calo di 7 mila in quella giovanile (15-24 anni).
Il tasso di disoccupazione giovanile, invece, risulterebbe in crescita al 39,3%, ovvero +0,7 % sul mese precedente. Un dato che si discosta di molto dal trend europeo. Stando ai dati Eurostat, anzi, l’Italia si conferma al quarto posto per disoccupazione giovanile dopo Grecia (48%, ma il dato è relativo a novembre), Spagna (45%), Croazia (44,1%, stabile nell’ultimo trimestre del 2015). In generale la disoccupazione giovanile è scesa al 22% nell’Eurozona e al 19,7% nell’Ue28 (prima era al 22,8% e al 21%).
Quanto alle differenze di genere, è vero che la crescita occupazionale di gennaio è cresciuta allo stesso ritmo per entrambe le componenti, maschile e femminile (+0,3%), ma come si diceva all’inizio la disoccupazione stabile è sintesi di un calo tra gli uomini (-2,6%) e di un aumento tra le donne (+3,3%). In definitiva il tasso di disoccupazione diminuisce di 0,3 punti percentuali per la componente maschile attestandosi al 10,9%, mentre aumenta di 0,3 punti per quella femminile arrivando al 12,4%.
Nel confronto con i partner europei, il gap è evidente anche in Spagna (al 19% la disoccupazione per la componente maschile, al 22,2 quella femminile), in Grecia (20,8% e 29,3% a novembre 2015) e in Croazia (15,2% e 17,7%), mentre in Portogallo la situazione si presenta in sostanziale equilibrio (12,1% e 12,2%).
Dove il mercato del lavoro è in buona salute, la disoccupazione è maggiore per la componente maschile. È così nel Regno Unito (5,2% e 5,0% a novembre 2015), in Austria (6,4% e 5,4%) e in Germania (4,6% e 4,0%). Anche in Francia, dove il tasso di disoccupazione si attesta oltre il 10%, la componente maschile registra un andamento peggiore di quella femminile (10,8% e 9,4%).

@fabiogermani

 

Scrivi una replica

News

Tusk: “Bisogna lavorare sull’unità dell’Ue”

“Sul dossier migrazione la divisione è tra Est e Ovest, sull’Unione economica e monetaria tra Nord e Sud. Queste divisioni sono accompagnate da emozioni che…

14 Dic 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Eurozona, Draghi: “Il Qe proseguirà al ritmo di 30 miliardi al mese fino a settembre 2018”

Il Quantitative easing proseguirà al ritmo ridotto di 30 miliardi di titoli di Stato acquistati al mese da gennaio a settembre 2018, o anche oltre…

14 Dic 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

La Walt Disney Company ha acquistato la Twenty-First Century Fox di Murdoch

La Walt Disney Company ha comprato la Twenty-First Century Fox, Inc, fino ad ora di proprietà di Rupert Murdoch. Il costo complessivo dell’operazione è di…

14 Dic 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Russia, Putin: “Alle prossime elezioni mi candiderò da indipendente”

Alle prossime elezioni presidenziali russe, Vladimir Putin si candiderà da indipendente. Lo ha annunciato nel corso della tradizionale conferenza stampa di fine anno. “Conto di…

14 Dic 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia