Le sofferenze bancarie possono frenare la ripresa | T-Mag | il magazine di Tecnè

Le sofferenze bancarie possono frenare la ripresa

soldi-euroIl ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan ha sottolineato che i crediti in sofferenza possono rappresentare un freno alla crescita economica, confermando (indirettamente) quanto puntualizzato da alcuni studi pubblicati nei mesi scorsi.
Nel suo ultimo rapporto annuale, il CERVED ha indicato nei “non performing loans” – ovvero i crediti per i quali la riscossione è incerta sia in termini di rispetto della scadenza che per l’ammontare dell’esposizione, tra i quali spiccano gli incagli e le sofferenze – uno dei principali fattori che potrebbero compromettere la ripresa delle piccole e medie imprese (PMI) del nostro Paese e dunque dell’economia italiana.
Del resto, complice la composizione del tessuto imprenditoriale italiano – il 95% delle imprese è di micro dimensioni (dati ISTAT) –, tanto più le imprese piccole dimensioni soffrono, quanto più la ripresa dell’economia italiana tarderà ad accelerare. Le imprese italiane rischiano di subire le conseguenze di un’eventuale crescita delle sofferenze bancarie, in quanto la loro principale fonte di finanziamento è rappresentata proprio dal credito che gli viene concesso dalle banche.
L’aumento delle sofferenze – considerando le ipotesi di moderata ripresa economica e gli attuali tempi della giustizia, il CERVED stima che le sofferenze lorde cresceranno fino al 2020 – rischia di ripercuotersi negativamente sull’ammontare complessivo dei prestiti concessi dagli istituti di credito. Infatti le sofferenze impediscono alle banche di stimare le perdite effettive, che andranno iscritte nel bilancio, rendendole più caute nel concedere nuovi finanziamenti ad imprese e famiglie.
Secondo il Fondo monetario internazionale, un’eventuale cancellazione delle sofferenze bancarie dai bilanci degli istituti di credito italiani genererebbe 130 miliardi di nuovi prestiti.

 

Scrivi una replica

News

Trump: “Non ho mai detto di voler dare armi agli insegnanti”

“Non ho mai detto ‘diamo armi agli insegnanti’. Quello che ho detto è guardare alla possibilità di dare armi a insegnanti esperti di armi con…

22 Feb 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Inps: “Nel 2017 488mila posti di lavoro, solo il 23% a tempo indeterminato”

“Alla fine del 2017, nel settore privato si registra un saldo tra i flussi di assunzioni e cessazioni registrati nel corso dell’anno pari a +488.000,…

22 Feb 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Giustizia, via libera alla riforma delle carceri

Il governo ha dato il via libera a tre decreti attuativi della riforma dell’ordinamento penitenziario. “E’ un lavoro in progress, lavoriamo con strumenti diversi con…

22 Feb 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Commercio, dal 2008 meno negozi più bar-ristoranti e hotel

Attualmente rispetto al 2008, in Italia, ci sono circa 62mila negozi in meno (-10,9%), 39mila bar-ristoranti-hotel in più e una grande crescita delle imprese commerciali…

22 Feb 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia