In crescita gli investimenti all’estero delle imprese italiane | T-Mag | il magazine di Tecnè

In crescita gli investimenti all’estero delle imprese italiane

SOLDIQuello della Lavazza – il gruppo torinese ha annunciato l’acquisizione della francese Carte Noire per 700 milioni di euro – è soltanto uno degli ultimi investimenti di un’impresa italiana all’estero.
Un’analisi del Centro Studi Impresa Lavoro sottolinea che dagli anni Novanta ad oggi il flusso degli IDE – ovvero gli investimenti diretti all’estero volti all’acquisizione di partecipazioni di controllo di un’azienda straniera o alla costituzione di una filiale all’estero (investimento “greenfield”) – delle imprese italiane è stato superiore a quello degli IDE in entrata.
Dunque le aziende italiane investono le proprie risorse per acquisire il controllo (parziale o totale) di imprese straniere in misura maggiore rispetto alle concorrenti straniere che fanno investimenti in Italia, la maggior parte delle quali provengono dall’UE (60%) e dall’America del Nord (20%).
Dal 2008 in poi, la differenza tra gli investimenti italiani oltre confine e quelli esteri indirizzati in Italia è cresciuta sensibilmente, passando dai 28,1 miliardi del 2007 agli 82,3 del 2008 fino ai 143,9 miliardi di euro del 2014, un anno durante il quale le imprese italiane investirono all’estero 547,6 miliardi contro i 403,7 miliardi delle aziende straniere in Italia.
Nell’analizzare l’andamento degli IDE, il Centro Studi Impresa Lavoro sottolinea che la letteratura economica sostiene che quest’ultimi garantiscono a un’impresa diversi vantaggi. Quali? Abbassare i costi di produzione e quelli di trasporto, riducendo la distanza con i clienti e superando eventuali barriere doganali, assicurarsi l’approvvigionamento di materie prime o risorse scarse nel proprio Paese e acquisire brevetti, tecnologie e conoscenze.
Tuttavia anche l’economia destinataria degli IDE ottiene dei benefici che vanno dal sostegno della domanda interna all’arricchimento di personale qualificato e di aziende competitive. Del resto, stando al rapporto dell’ICE (Italia Multinazionale 2014), le filiali delle imprese multinazionali fanno registrare prestazioni superiori rispetto alle imprese domestiche, grazie alle maggiori capacità manageriali, competenze, tecnologie e ai vantaggi di scala e di network.

 

Scrivi una replica

News

Nato: «Non è scontato il legame tra l’Ue e gli Usa»

«I legami fra Europa e Nord America vanno difesi nell’interesse della sicurezza dell’Occidente, ma non sono scontati. Non è inciso sulla pietra che il legame…

21 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Oxfam: «In italia 430mila attività irregolari nell’agricoltura»

«Milioni di donne e di uomini che ogni giorno lavorano in tutto il mondo e in Italia per portare il cibo sulle nostre tavole sono…

21 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Inps: «23,8 milioni di ore di cig, in calo del 39% su base annuale»

Nell’Osservatorio di statistica dell’Inps sulla cassa integrazione emerge che «a maggio sono arrivate all’Inps richieste per 23,8 milioni di ore di cassa integrazione con un…

21 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Martina: «Serve una nuova sinistra. Questo è un esecutivo di estrema destra»

«Serve una nuova sinistra, serve un nuovo impegno di centrosinistra nelle politiche, nelle scelte che si stanno compiendo. Questo è un governo di destra, per…

21 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia