Imprese protestate ai minimi dal 2007 | T-Mag | il magazine di Tecnè

Imprese protestate ai minimi dal 2007

imprese_stretta_creditiziaIl CERVED, il gruppo che valuta la solvibilità e il merito creditizio delle imprese, sostiene che in Italia “la crisi è stata superata”. L’affermazione troverebbe conferma nel calo delle società non individuali protestate rilevato nel 2015, che si somma alla contemporanea riduzione numero di chiusure aziendali e liquidazioni volontarie già certificato precedentemente.
Il dato relativo al 2015 – 28mila protesti, pari al 19% in meno rispetto al 2014 – è inferiore ai livelli del 2007. Quello relativo alla diminuzione delle società protestate non è l’unico segnale positivo, però. Secondo il CERVED, sono diminuiti anche i tempi medi di liquidazione delle fatture che non sono mai stati così bassi dal 2012: lo scorso anno, i fornitori hanno atteso mediamente 76 giorni (cinque giorni in meno rispetto al 2012) prima di vedere saldate le proprie fatture.
Si tratta di un dato positivo: negli anni della crisi economica, il ritardo dei pagamenti ha rappresentato uno dei problemi principali per le imprese italiane, alcune delle quali sono state costrette a chiudere i battenti. Secondo la CGIA di Mestre, tra il 2008 e il 2012 sono state oltre 15mila le aziende sono fallite a causa dei ritardi dei pagamenti, soprattutto (nel 31% dei casi) da parte delle pubbliche amministrazioni.
Sia la riduzione dei tempi di pagamento che il calo del numero delle società protestate sono conseguenze inevitabili della crisi economica: il CERVED osserva che la recessione ha costretto le imprese più fragili ad uscire dal mercato e convinto i fornitori a concedere credito commerciale con maggiore cautela.
Il risultato? Il tessuto imprenditoriale italiano esce dalla crisi con un numero inferiore di aziende, ma più virtuose, che pagano i fornitori con maggiore regolarità.
Non tutti i dati sono positivi, però: seppur diffuso, il miglioramento sul fronte dei protesti e dei pagamenti osservato nel 2015 mostra ancora una situazione di fragilità in alcuni settori (distribuzione e produzione beni di largo consumo) e un divario crescente tra le regioni settentrionali e quelle meridionali del Paese.

 

Scrivi una replica

News

Eurozona, a giugno indice Pmi in aumento rispetto al mese precedente

A giugno attività economica dell’Eurozona in crescita, trainata dai servizi. Lo sostiene il sondaggio Pmi curato da IHS Markit. L’indice preliminare composito – che unisce…

22 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Dazi, Boccia (Confindustria): «Fanno del male all’Italia e all’Europa»

«Siamo un Paese ad alta vocazione di export e quindi i dazi fanno del male all’Italia e all’Europa. Ecco perché su questo aspetto dobbiamo essere…

22 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Francia, nel primo trimestre il Pil rallenta a +0,2%

Nel primo trimestre 2018, il Prodotto interno lordo della Francia è cresciuto dello 0,2%, in rallentamento rispetto al trimestre precedente (+0,7%). Lo rende noto l’INSSE,…

22 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Di Maio: «Spero che settimana prossima possa partire il decreto dignità»

«Spero che la settimana prossima possa partite il decreto dignità». Lo ha affermato Luigi Di Maio arrivando al congresso Uil. «La norma eliminerà la burocrazia…

22 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia