Vendite al dettaglio in calo a gennaio | T-Mag | il magazine di Tecnè

Vendite al dettaglio in calo a gennaio

spesa_consumi_famiglieConsumi fermi a gennaio rispetto a dicembre 2015 e in calo dello 0,8% su base annua. Ad essere colpite in particolar modo, afferma l’Istat, sono le imprese di piccole dimensioni, mentre la grande distribuzione registra un aumento dello 0,6%. Per quanto riguarda il valore delle vendite di prodotti non alimentari gli andamenti risultano negativi per tutti i gruppi, tranne giochi, giocattoli, sport e campeggio (+2,5%), utensileria per la casa e ferramenta (+1,2%) e mobili, articoli tessili, arredamento (+0,1%).
Negli ultimi mesi del 2015 anche l’Italia, in linea con le altre economie dell’Eurozona, ha evidenziato un trend in crescita della domanda interna che ha sostenuto la ripresa più dell’export, messo a dure prova dal rallentamento delle economie emergenti. Secondo Confcommercio anche quest’anno un importante contributo alla crescita del Pil giungerà dai consumi, ma il 2016 comincia con una battuta d’arresto (la riduzione tendenziale più ampia da oltre un anno).
Il Fondo monetario internazionale (Fmi) ha osservato che i prezzi bassi del petrolio non hanno avuto, contrariamente a quanto sostenuto in precedenza, un effetto positivo sulle economie dei paesi avanzati. Questo, semmai, avverrà quando le quotazioni torneranno a salire e le economie avanzate avranno compiuto i passi necessari per la ripresa, superando l’attuale contesto di bassi tassi di interesse.
Quello che il Fmi sembra suggerire è che i prezzi del petrolio, crollati dal giugno 2014, hanno ripercussioni sulle aspettative di inflazione. E questo obbliga le banche centrali a tagliare i tassi di riferimento e iniettare liquidità al fine di allontanare il rischio deflazione, sostenendo imprese e famiglie.
La Banca centrale europea (Bce), intanto, ha tagliato le stime di crescita per l’Eurozona (all’1,4% dall’1,7% quest’anno e all’1,7% dall’1,9% per il 2017). In questo momento, infatti, c’è da considerare anche il rallentamento delle economie emergenti, che a sua volta si ripercuote su commercio e crescita mondiale.
Non è un caso se nell’ultimo periodo la risalita economica è stata trainata, soprattutto, dalla domanda interna, che ha compensato le perdite relative all’export. E pur ritenendo, la Bce, che i bassi prezzi del petrolio rappresentino un sostegno al reddito disponibile reale delle famiglie, la domanda interna necessita di azioni più incisive e un costante incremento dei livelli occupazionali.

 

Scrivi una replica

News

Eurozona, a giugno indice Pmi in aumento rispetto al mese precedente

A giugno attività economica dell’Eurozona in crescita, trainata dai servizi. Lo sostiene il sondaggio Pmi curato da IHS Markit. L’indice preliminare composito – che unisce…

22 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Dazi, Boccia (Confindustria): «Fanno del male all’Italia e all’Europa»

«Siamo un Paese ad alta vocazione di export e quindi i dazi fanno del male all’Italia e all’Europa. Ecco perché su questo aspetto dobbiamo essere…

22 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Francia, nel primo trimestre il Pil rallenta a +0,2%

Nel primo trimestre 2018, il Prodotto interno lordo della Francia è cresciuto dello 0,2%, in rallentamento rispetto al trimestre precedente (+0,7%). Lo rende noto l’INSSE,…

22 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Di Maio: «Spero che settimana prossima possa partire il decreto dignità»

«Spero che la settimana prossima possa partite il decreto dignità». Lo ha affermato Luigi Di Maio arrivando al congresso Uil. «La norma eliminerà la burocrazia…

22 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia