La banda larga per la crescita | T-Mag | il magazine di Tecnè

La banda larga per la crescita

banda_largaIl presidente del Consiglio, Matteo Renzi, ha annunciato che ad aprile il governo sarà pronto con il primo bando sulla banda ultra-larga. “Sarà il primo di una serie di bandi con i quali portare a tutti i cittadini entro il 2020 la connessione Internet ad alta velocità”, ha concluso il premier.
Il governo intende garantire a tutti i cittadini una connessione Internet ad almeno 30 Mbps (banda larga ad alta velocità) e assicurare all’85% della popolazione la banda ultra-larga (100 Mbps) entro il 2020, colmando il gap che divide l’Italia dal resto dei suoi partner europei.
Secondo il Digital Economy and Society Index 2016 (DESI) – ovvero l’indice che valuta lo stato di avanzamento dei Paesi dell’UE verso un’economia e una società digitali attraverso cinque indicatori (connettività, capitale umano, utilizzo di internet, integrazione della tecnologia digitale e servizi pubblici digitali) – l’Italia è agli ultimi posti delle graduatorie che classificano i 28 membri dell’Unione europea in base alla diffusione sul proprio territorio della banda larga ad alta velocità e della banda ultra-larga. Un ritardo che probabilmente non è più sostenibile.
Alcuni studi, che hanno provato a quantificarne l’impatto economico, sostengono che una maggiore diffusione della banda larga garantisce enormi benefici. Un dossier della Ericsson, condotto in collaborazione con Arthur D. Little e la Chalmers University of Technology e che ha preso in esame trentatré Paesi dell’Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo economico (OCSE), stima che il raddoppio della velocità di connessione a banda larga genera un aumento del Prodotto interno lordo (PIL) dello 0,3%, pari a 126 miliardi di dollari.
Inoltre, sempre secondo le stime della Ericsson e di Little, ogni aumento del 10% del tasso di penetrazione della banda larga garantisce una crescita aggiuntiva del PIL dell’1% e consente la creazione di ottanta nuovi posti di lavoro.

 

Scrivi una replica

News

Eurozona, a giugno indice Pmi in aumento rispetto al mese precedente

A giugno attività economica dell’Eurozona in crescita, trainata dai servizi. Lo sostiene il sondaggio Pmi curato da IHS Markit. L’indice preliminare composito – che unisce…

22 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Dazi, Boccia (Confindustria): «Fanno del male all’Italia e all’Europa»

«Siamo un Paese ad alta vocazione di export e quindi i dazi fanno del male all’Italia e all’Europa. Ecco perché su questo aspetto dobbiamo essere…

22 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Francia, nel primo trimestre il Pil rallenta a +0,2%

Nel primo trimestre 2018, il Prodotto interno lordo della Francia è cresciuto dello 0,2%, in rallentamento rispetto al trimestre precedente (+0,7%). Lo rende noto l’INSSE,…

22 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Di Maio: «Spero che settimana prossima possa partire il decreto dignità»

«Spero che la settimana prossima possa partite il decreto dignità». Lo ha affermato Luigi Di Maio arrivando al congresso Uil. «La norma eliminerà la burocrazia…

22 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia