Governo, Federica Guidi si è dimessa da ministro dello Sviluppo economico | T-Mag | il magazine di Tecnè

Governo, Federica Guidi si è dimessa da ministro dello Sviluppo economico

Federica Guidi si è dimessa da ministro dello Sviluppo economico. In una lettera indirizzata al presidente del Consiglio Matteo Renzi, Guidi ha scritto: “Caro Matteo sono assolutamente certa della mia buona fede e della correttezza del mio operato. Credo tuttavia necessario, per una questione di opportunità politica, rassegnare le mie dimissioni da incarico di ministro. Sono stati due anni di splendido lavoro insieme. Continuerò come cittadina e come imprenditrice a lavorare per il bene del nostro meraviglioso Paese”.
Federica Guidi ha rassegnato le proprie dimissioni in seguito alla diffusione di un’intercettazione telefonica, relativa a un’inchiesta giudiziaria che vede coinvolto il suo compagno Gianluca Gemelli, “in cui – scrive l’agenzia di stampa Reuters – il ministro Guidi, precisando che anche il ministro alle Riforme Maria Elena Boschi è d’accordo, annuncia al suo compagno il reinserimento in Finanziaria di un emendamento utile alle sue attività”.

 

Scrivi una replica

News

Commercio, a giugno export dei prodotti industriali in crescita

«A giugno 2018 si stima una crescita congiunturale per le esportazioni (+4,6%) e un più contenuto aumento per le importazioni (+0,3%). Il sostenuto incremento congiunturale…

10 Ago 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Regno Unito, nel secondo trimestre Pil in crescita dello 0,4% su base mensile

Nel secondo trimestre 2018, il Prodotto interno lordo del Regno Unito è cresciuto dello 0,4% su base mensile. Lo rende noto l’Office for Nationals Statistics,…

10 Ago 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Giappone, Pil in crescita dello 0,5% nel secondo trimestre

Il Pil del Giappone nel secondo trimestre del 2018 ha registrato una crescita dello 0,5% su base trimestrale e dell’1,9% su base annuale. I dati…

10 Ago 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Trump: «Usa raddoppia dazi su metalli della Turchia, passando dal 10 al 20%»

«Ho appena autorizzato un raddoppio dei dazi sull’acciaio e l’alluminio della Turchia in quanto la loro valuta, la lira turca, è in rapido calo nei…

10 Ago 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia