Pil dell’Eurozona oltre le attese | T-Mag | il magazine di Tecnè

Pil dell’Eurozona oltre le attese

pil_crisi_economicaMentre le stime sul primo trimestre del 2016 mostrano un lieve rafforzamento della crescita del Pil dell’Eurozona, gli Stati Uniti continuano a rallentare. Nello stesso periodo per l’economia cinese si prospetta una stabilizzazione (+6,7% sul primo trimestre del 2015), dopo i mesi di rallentamenti che avevano destabilizzato l’economia mondiale. E’ quanto emerge dalla nota mensile dell’Istat.
Insomma, tra le principali aree economiche del globo (prese in considerazione dall’analisi dell’Istituto nazionale di statistica), solo l’Eurozona sembra essere promossa. L’area della moneta unica ha infatti messo a segno una crescita del Pil superiore alle attese, +0,6%, ma soprattutto superiore a quella riportata nell’ultimo trimestre del 2015, quando si registrò un +0,3%.
Segnali incoraggianti arrivano poi dal mercato del lavoro, il tasso di disoccupazione dell’Eurozona è sceso al 10,2% a marzo (il livello più basso dall’agosto del 2011), e dalla produzione industriale, in crescita congiunturale dello 0,6% nel trimestre dicembre-febbraio nonostante il -0,8% registrato nel mese di febbraio. Rimane invece negativa l’inflazione: -0,2%.
Al contrario dell’area della moneta unica, il Pil degli Stati Uniti sta attraversando una fase di decelerazione. Dal +0,5% del terzo trimestre del 2015, il dato è sceso al +0,3% del quarto trimestre, per scendere ulteriormente al +0,1% nei primi tre mesi del 2016. A pesare sull’economia statunitense, spiega ancora l’Istat, sono stati gli indebolimenti che hanno interessato la crescita del reddito disponibile, salito di appena 0,3 punti percentuali, e i consumi delle famiglie, +0,1%. Viaggia in territorio negativo la produzione industriale: -0,6% a marzo sul mese precedente.
Nella nota l’Istituto si sofferma poi sulla situazione dell’Italia, spiegando che, nonostante molti indicatori (come il mercato del lavoro, la produzione industriale e il potere d’acquisto delle famiglie) abbiano dato segnali positivi, permangono i rischi di un nuovo rallentamento dell’attività economica nel breve periodo.

 

Scrivi una replica

News

Pensioni, Di Maio: «L’Ocse non deve intromettersi nelle scelte di un Paese sovrano»

«L’OCSE non deve intromettersi nelle scelte di un Paese sovrano che il governo democraticamente legittimato sta portando avanti. Il superamento della legge Fornero è nel…

20 Set 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Brexit, vertice straordinario il 17 e il 18 novembre

Il vertice straordinario sulla Brexit si terrà il 17 e il 18 novembre. Lo riferisce l’agenzia di stampa ANSA, citando «fonti europee». Ieri, mercoledì 19…

20 Set 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Salvini: «Nessun problema sul decreto sicurezza e immigrazione: lunedì in Cdm»

«Sul decreto migrazione non c’è nessun problema: il Cdm slitta perché fare la riunione senza premier e vicepremier mi sembrava di votarmi da solo il…

20 Set 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Pensioni, Ocse: «Importante non disfare la riforma Fornero»

«Quando parliamo di riforma delle pensioni, penso sia importante non disfare la riforma Fornero». Lo ha detto la capoeconomista dell’OCSE, Laurence Boone, replicando a una…

20 Set 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia