La home sharing e il caso Airbnb | T-Mag | il magazine di Tecnè

La home sharing e il caso Airbnb

airbnbChe si tratti di una fonte di vero e proprio reddito o di un modo per risparmiare, il fenomeno della sharing economy si sta consolidando sempre più. Si tratta, infatti, di un modello economico basato sulla condivisione di beni o servizi, sviluppatosi nel periodo della crisi economica e che piano piano è arrivato anche in Italia.
Al momento l’impatto sul Pil è ancora esiguo (si stima l’1%) ma l’effetto sui portafogli delle famiglie comincia a farsi sentire. Proprio ultimamente Airbnb – portale online di home sharing che mette in contatto persone in cerca di un alloggio per brevi periodi con privati disposti ad ospitare o ad affittare stanze o appartamenti -, ha diffuso i numeri, relativi al nostro Paese, legati all’esercizio del 2015.
Secondo l’analisi in Italia gli 83mila host (ovvero i privati che mettono a disposizione una struttura) che nel 2015 hanno affittato un alloggio hanno guadagnato in media 2.300 euro. I viaggiatori che, nel nostro Paese, hanno usufruito di un alloggio presente sul portale sono stati 3,6 milioni, generando qualcosa come 3,4 miliardi di euro: lo 0,22% del Pil.
Osservando più da vicino i dati si nota come siano Firenze, Roma e Milano le città dove questo tipo di business si è sviluppato maggiormente. Nella città toscana, infatti, sono stati 3.700 gli host coinvolti e 364mila i turisti ospitati, per un guadagno medio di 6.300 euro solo nel 2015.
Notevoli anche i risultati di Roma e Milano. Nella capitale i turisti ospitati dai 9.800 host sono stati 758mila e hanno fatto incassare alle famiglie ospitanti qualcosa come 93 milioni di euro nell’arco dei dodici mesi. Nel capoluogo meneghino, invece, i 9.600 host hanno ospitato 456mila viaggiatori incassando in media 2.700 euro a famiglia.
Nonostante i numeri, ancora pochi italiani – stando alle rilevazioni del Rapporto Italia 2016 dell’Eurispes – si avvalgono dei servizi home sharing per soggiorni all’estero, appena il 4,6%.

 

Scrivi una replica

News

Istat: «Inflazione rivista al ribasso all’1.6% a novembre»

«Nel mese di novembre 2018, si stima che l’indice nazionale dei prezzi al consumo per l’intera collettività (NIC), al lordo dei tabacchi, diminuisca dello 0,2%…

14 Dic 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Avvocato Battisti: «Irreperibile da giovedì»

L’avvocato di Cesare Battisti, Igor Sant’Anna Tamasauska, ha rivelato all’Ansa che il suo assistito è irreperibile dalla giornata di giovedì 13 dicembre.…

14 Dic 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Stati Uniti, nel 2017 40mila morti per arma da fuoco

Secondo il Centers for Disease Control and Prevention, nel 2017 ci sono stati 40mila morti per arma da fuoco. Il dato è il più alto…

14 Dic 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Cina: «Stop di 3 mesi a dazi su auto provenienti dagli Usa»

«La Cina ha deciso di sospendere per tre mesi, dal primo gennaio al 31 marzo 2019, l’applicazione dei dazi aggiuntivi dal 15% al 40%, sulle…

14 Dic 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia